Edoardo De Angelis e Neri Marcorè in “Due amici dopo cena (tra chiacchiere e canzoni)”

De Angelis - Marcorè ph Roberta Gioberti

De Angelis – Marcorè ph Roberta Gioberti

Un concerto unplugged, due protagonisti “insoliti” nella loro unione, due percorsi che rappresentano l’uno la continuazione dell’altro, molte parole, molti ricordi, una bottiglia di vino……immaginate una serata intorno ad un focolare. Immaginate un racconto, che nasce negli anni ’70: il racconto di un cammino discografico.

Erano tempi in cui la musica si proponeva in tutto il suo splendore. Erano i tempi della ricerca, della rottura, dell’innovazione. Della necessità di comunicare, un disagio, un entusiasmo, una partecipazione, una lotta. Erano i tempi di una etichetta doc: l’RCA. I tempi del “Vincenzo” di Fortis,, erano i tempi dei cantautori.
I cantautori, fiumi di parole, spesso articolate su impianti musicali elementari. Che di quelle parole, che erano poesia, abbiamo fatto tesoro nella vita, e ancora siamo lì a ripetercele di tanto in tanto. A Roma erano soprattutto i tempi del Folkstudio. E di una ragazzina di tredici quattordici anni, adolescente, con la fortuna di avere un paio di cugini più grandi che se la dovevano portare dietro per forza. Erano i miei tempi, ero io. Che di quel locale ho ricordi che si avvicinano più alla favola che alla realtà. Ci si faceva musica, ce la facevano un ragazzo biondo barbutello, un altro moro con una gran massa di capelli e i Ray Ban, un giovane eccentrico e ermetico, un altro politicizzatissimo e impegnato…..insomma, tutti volevano suonare al Folkstudio.. Ci passò anche uno stonato assai, un americano…..componeva ballate. La leggenda vuole che non ci fossero più di una quindicina di persone ad ascoltarlo. Ma questa è la leggenda…..ed io non ero ancora nata.

De Angelis - Marcorè ph Roberta Gioberti

De Angelis – Marcorè ph Roberta Gioberti

Si chiamarono poi De Gregori, Venditti, Lolli, Gaetano, Guccini, Rosso…….Dylan.
Poi ci dicono che siamo vecchi e nostalgici. Puo’ essere. Ma se non avete mai avuto la possibilità di assistere in poco più di un pugno di persone ad una esibizione di De Paula, non potete capire.  Tutto era così semplice, così accessibile, così spontaneo. Tutto nasceva e ruotava intorno a queste due realtà, nella capitale. Tutto quello che riguardava la musica d’autore italiana. A riportarci a quei tempi, con i loro ricordi, che sono in parte i miei, Edoardo De Angelis e Neri Marcoré, che ci regalano uno spettacolo tutto da gustare silenziosamente, a piccoli sorsi.

De Angelis - Marcorè ph Roberta Gioberti

De Angelis – Marcorè ph Roberta Gioberti

Folkstudio, ma non solo. Lucio Dalla, Battisti, Endrigo, De André, Bennato (Edoardo), l’autorato più recente, qualche scivolone sul pop must, arricchito da tanta ironia interpretativa. E anche una carezza di napoletanità, omaggio esplicito ad una giovane, fresca e a noi cara interprete, Flo Cangiano. . Tre chitarre, un racconto e tante canzoni d’autore, riproposte in versione acustica, alcune quasi sussurrate. In attesa che questo percorso si trasformi in un album, dedicato da De Angelis all’interpretazione di brani di altri autori. Album prodotto da Francesco De Gregori, quasi a ricambiare il gesto del discografico e amico che ebbe fiducia in lui agli esordi, e a ragione. Il vino vuole rosso, ovviamente. E accompagna un piacevole e divertente itinerario da rivivere,ma soprattutto da scoprire. Un racconto per i giovani, un insieme di aneddoti e storia che, soprattutto a loro, a quelli appassionati di canzone d’autore, consigliamo di non perdere.

Grazie, De Angelis e Marcoré, per questo scampolo di storia dei nostri tempi.

Roberta Gioberti

TicketOne