Immanuel Casto: l’inarrestabile successo del principe del Porn Groove

Immanuel Casto (immagine tratta dalla pagina Facebook dell'artista)

Immanuel Casto (immagine tratta dalla pagina Facebook dell’artista)

Immanuel Casto, al secolo Manuel Cuni, è il principe del Porn Groove italiano. Originario di Bergamo, il Casto Divo vanta una discografia incentrata su testi dall’esplicito contenuto sessuale. Quello che è interessante sottolineare è l’assoluta eleganza della forma espressiva scelta dall’artista che, tra l’altro, risulta essere molto legato all’uso dell’elettronica, dei synth e dei campionamenti, con sonorità anni ’80. “Voyeur”, Vento di erezioni”, “Deflorato”, “Feel the Pron Groove”, “Adult Music”, “Freak & Chic” sono i titoli che popolano la sua discografia e che non lasciano dubbi all’immaginazione. Immanuel Casto supera i confini del trash per immergersi con assoluta genialità creativa in un territorio semantico fitto di riferimenti espliciti, certo, ma anche caratterizzato da un interessante doppio fondo di rilevante interesse socio-culturale.

Immanuel Casto (immagine tratta dalla pagina Facebook dell'artista)

Immanuel Casto (immagine tratta dalla pagina Facebook dell’artista)

A metà strada tra il sacrilego ed il profano, Immanuel Casto abbraccia il ruolo di profeta in patria, impersonificando il ruolo di ammazza-tabù.  Le massicce dosi di sa­ti­ra presenti nelle raffinate li­ri­che da lui proposte diventano facilmente espressione di una so­cie­tà non sol­tan­to de­pra­vata e priva di spes­so­re mo­ra­le ma anche falsamente bi­got­ta e vacua. Inutile cercare di arginare il successo di Immanuel Casto, in molti hanno cercato di catalogare fret­to­lo­sa­men­te le sue canzoni come stu­pi­dag­gi­ni di carattere demenziale, i progetti musicali di Casto rappresentano, invece, qualcosa di assolutamente originale. Me­lo­die tanto sem­pli­ci, quan­to ef­fi­ca­ci e di rado ba­na­li, si accompagnano ai testi:  “Che Bella La Cap­pel­la”, “Anal Beat” o “50 Bocca/ 100 Amore“ “Escort 25”, “Crash”,  “Bro­ken Girl”, sono solo alcuni dei brani presenti nel vasto repertorio di Casto, utili per capire il passaggio dalla verve ses­sual­men­te espli­ci­ta e dis­sa­cran­te degli esor­di alla poe­ti­ca più al­lu­si­va ed am­mic­can­te degli ultimi tempi.

Immanuel Casto (immagine tratta dalla pagina Facebook dell'artista)

Immanuel Casto (immagine tratta dalla pagina Facebook dell’artista)

Inventore di “Squil­lo”, il vendutissimo gioco di carte da ta­vo­lo, edito da Raven, in­cen­tra­to sullo sfrut­ta­men­to della pro­sti­tu­zio­ne, Immanuel Casto ha effettuato anche un’ espansione intitolata “Bordello d’Oriente”, in cui le Squillo di nazionalità cinese, indiana, vietnamita, mongola,giapponese e thailandese sono manovrate da ogni pappone/giocatore all’interno di un raffinato panorama geopolitico delle terre orientali. Non solo prostitute professioniste e prostitute minorenni, l’artista ha avuto modo di pensare a “Marchettari Sprovveduti”, un’ulteriore espansione del gioco di carte che introdurrà anche il tema della prostituzione maschile e nuove meccaniche per il gioco, che sarà presentato il prossimo autunno al Lucca Comics&Games.

Immanuel Casto (immagine tratta dalla pagina Facebook dell'artista)

Immanuel Casto (immagine tratta dalla pagina Facebook dell’artista)

Acuto uti­liz­za­to­re del web, quale mezzo per espan­de­re po­po­la­ri­tà e co­no­scen­ze con­di­vi­se, Immanuel è emblema della nuova cultura musicale web indipendent, senza trascurare il fatto che i suoi live show sono spesso sold out. Originale, dissacrante, irriverente, sorprendente, Immanuel Casto sarà presto in tour. Ad ottobre 2014 partirà, infatti, il “Sognando Cracovia Tour”, la tournée live, prodotta e organizzata da Freak&Chic e Barley Arts, farà tappa in tutta la penisola e vedrà la cantautrice Romina Falconi, protagonista del palco insieme ad Immanuel Casto. I due artisti saranno accompagnati da una band e dal corpo di ballo delle The Beat Girls e presenteranno sia i propri brani che nuove canzoni a sorpresa per uno show frizzante e coreografico. Queste le prime date confermate: il 4 ottobre al club Off di Modena, l’11 ottobre all’Exenzia Rock Club diPrato, il 29 ottobre all’Alcatraz di Milano, il 30 ottobre al Teatro del Giglio a Lucca, l’8 novembre all’Estragon diBologna, il 14 novembre al club Tipografia di Pescara, il 28 novembre al BlackOut di Roma.

Raffaella Sbrescia

Video: “Sognando Cracovia”

TicketOne