“Un giorno di sole”, il nuovo album di Chiara Galiazzo. La recensione

Chiara-Un-Giorno-Di-Sole-album-news

Chiara Galiazzo torna alla musica con “Un giorno di sole”, l’album prodotto da Fabrizio Ferraguzzo e distribuito da Sony Music Italy. Per la giovane interprete padovana si tratta di un lavoro importante che potrebbe segnare una svolta all’interno del suo percorso artistico iniziato con la vittoria di X Factor nel 2012. La cura per i dettagli, la rinnovata motivazione ed una nuova consapevolezza attraversano le 11 tracce che la Chiara ha scelto, interiorizzato e racchiuso in questo suo nuovo album. Tanti i sono i nomi che figurano nei credits del disco:Daniele Magro, Dario Faini, Ermal Meta, Pacifico, Virginio Simonelli, Piero Romitelli e Davide Simonetta, Antonio Di Martino artisti coi quali Chiara si è confrontata a lungo alla ricerca di storie ed emozioni da raccontare a se stessa e agli altri. Il risultato di questo lungo e complesso percorso si intravvede nella maggiore spontaneità delle interpretazioni e nell’accurata realizzazione di un sound più vicino al pop inglese, in grado di spaziare dal folk blues al country, fino alla tipica melodia da ballad. Il tratto più interessante di questo lavoro sta nella felice collaborazione tra artisti giovani che, attraverso le loro fresche penne, sono stati in grado di raccontare emozioni, storie e sentimenti in maniera immediata e facilmente fruibile. “Un giorno di sole” non è, dunque, soltanto il titolo del suo nuovo album, bensì la trasfigurazione della nuova fase esistenziale ed  artistica di Chiara.

chiara1-e1412708096384

Ad anticipare il disco è l’omonimo singolo “Un giorno di sole”, scritto da Daniele Magro. La particolarità di questo brano sta nella forte contrapposizione tra la melodia spensierata ed un testo intriso di sofferenza per la fine di un amore. Propositiva e concreta è, invece, la struttura testuale di “Siamo Adesso”, con musiche scritte dalla stessa Chiara, insieme a Fabio Campedelli ed Emiliano Cecere e con le parole di Pacifico finalizzate alla valorizzazione  di quanto di buono si abbia tra le mani. La delicata poetica di Daniele Magro risplende in tutta la sua lucentezza in “Il rimedio, la vita e la cura”, una ballad intensa e profonda che ha consentito a Chiara di mettersi in gioco con sincera autenticità. Pur muovendosi su un altro binario semantico, “Che valore dai”, scritta da Dario Faini e Antonio Di Martino, è una canzone pensata per far riflettere: “Che valore dai alle promesse fatte, ai pugni, alle ferite, alle cicatrici?”, canta la Galiazzo, spingendo l’ascoltatore in un interessante territorio fatto di pensieri, rimorsi, pentimenti, ripensamenti. L’ incoraggiante messaggio contenuto in “La vita è da vivere”, il brano scritto a quattro mani da Ermal Meta e Antonio Filippelli, racchiude l’essenza di un mantra : “cos’altro possiamo fare se non vivere?”; un messaggio diretto, semplice ed efficace che viene subito incalzato da “ll meglio che puoi dare” con testo di Ermal Meta: “Mi hanno detto che la vita è ciò che accade mentre tu più del viaggio vuoi la meta e non ti accorgi che hai di più”. Parole, queste ultime che hanno il pregio di riuscire a mettere a nudo i nostri pensieri più reconditi. Definita dalla stessa Chiara come la canzone più “chiaresca” dell’album, “Nomade”, scritta da Daniele Magro, definisce con grande efficacia e spensieratezza i tratti di una giovane artista abituata a porsi al pubblico senza filtri. Leggera e ritmata, “Ruba l’amore” introduce la parentesi più romantica del disco. A seguire troviamo “Amore infinito”, scritta da Niccolò Corrienti: “Abbi cura di splendere, ogni giorno sorprendere”, “rendere ogni giorno possibile”, canta Chiara, definendo i tratti di un sentimento forte, trasparente e coinvolgente. “Il  senso di noi” mette in evidenza le fasi di un percorso a due vissuto con grande intensità. La traccia di chiusura è “Qualcosa resta sempre”, nata da un brano in inglese scritto da Virginio Simonelli. Piano e voce riportano l’ascolto in una dimensione onirica ed essenziale, testo e musica rappresentano gli ultimi tasselli di un percorso evolutivo in cui Chiara pare aver raggiunto un grado di maturità artistica che le potrà consentire l’atteso salto di qualità.

Raffaella Sbrescia

 Acquista “Un giorno di sole” su iTunes

Video: “Un giorno di sole”

TicketOne