Intervista ai Kasabian: “For Crying Out Loud” è un album fatto di istinto

Kasabian - For Crying Out Loud - cover album

Kasabian – For Crying Out Loud – cover album

I Kasabian sono pronti a tornare in pista con un nuovo album ispirato al classic rock. “For Crying Out Loud” è il titolo del disco in uscita il 5 maggio, preceduto dal singolo che ha fatto da apripista “You’re In Love With A Psycho”. Il sesto album della band composta da Sergio Pizzorno (voce e chitarra), Tom Meighan (voce), Chris Edwards (basso), Ian Matthews (batteria) and Tim Carter (chitarre) è stato scritto e prodotto da Pizzorno (cantante e chitarrista del gruppo) e registrato al Sergery, il suo studio a Leicester, nel giro di sei settimane. Descritto come un disco istintivo, felice e particolarmente ispirato, “For Crying Out Loud!” è figlio di una mentalità creativa old school ma tiene conto del ricambio generazionale e delle evoluzioni linguistiche che ormai hanno acquisito la quasi totalità dell’ utilizzo corrente. In attesa di ascoltarli in Italia il 19 luglio al Teatro Antico di Taormina, il 21 luglio al PostePay Sound Rock’in Roma Ippodromo delle Capannelle (Roma), il 22 luglio, all’Anfiteatro Camerini, Piazzola sul Brenta (Pd) e il 23 luglio al Lucca Summer Festival Piazza Napoleone (Lucca), abbiamo incontrato i Kasabian negli uffici della Sony Music a Milano. Ecco cosa ci hanno raccontato.

Intervista

Bentrovati ragazzi, qual è lo spirito che attraversa questo vostro nuovo lavoro?

L’intento era quello di mettere a punto un album in grado di trasmettere benessere. In questo disco speranza e felicità la fanno da padrone. La struttura delle canzoni è quella classica tuttavia ci siamo divertiti a fondere tra loro stili e generi diversi.

In effetti si nota un certo lavorìo. Come è andata nel dettaglio?

Ci siamo ispirati al rock, quello classico degli anni ’70, ma abbiamo scelto di reinterpretarlo alla nostra maniera. Ci siamo riavvicinati alle radici prediligendo l’uso delle chitarre e mantenendo l’uso dell’elettronica che c’è sempre stata nei nostri lavori.

Da dove nasce il singolo “You’re in Love with a Psycho”?

Questa è una canzone in cui tutti possono rispecchiarsi, un brano in cui amore e follia convivono nello stesso momento.

Come mai avete deciso di incidere un disco in controtendenza rispetto ai tempi che corrono?

La nostra musica intende portare gioia a chi l’ascolta. Nel nostro lavoro precedente ci siamo abbondantemente dedicati alle tematiche relative all’attualità e, dato che questi contenuti ricorrono nei lavori di tanti altri artisti, stavolta ci siamo concentrati nel fare del sano rock’n’roll.

Come è avvenuta la scelta del titolo “For Crying Out Loud”?

Il titolo riprende l’espressione “For Fuck Safe”. Questa è musica che viene dal cuore, che fa urlare ma anche piangere e ridere.

Chi c’è in copertina?

Si tratta di uno dei tecnici che ci seguono quando siamo in tour!

Uno dei brani con la personalità più spiccata è “Are You Looking For Action”…

Ogni disco classico che si rispetti ha bisogno di momenti in cui si rielabora un po’ tutto il discorso. Questo brano è uno di quei momenti. Siamo partiti con un brano di tre minuti ed è diventato di otto; un bellissimo risultato per noi.

Quali ascolti confluiscono in questo disco?

Tra gli altri citiamo Ramones, Blondie, Sex Pistols, The Stooges.

Cosa è accaduto durante le sei settimane di gestazione di questo album?

Ci siamo affidati all’istinto senza fare nessun ragionamento particolare. “Bless this Acid House” e “Ill Ray (the King)” sono i pezzi “killer” che abbiamo aggiunto alla fine.

Video: You’re in Love With a Psycho

A proposito chi è III Ray?

Il padre di Sergio è solito chiamarlo “King”, il titolo del brano s’ispira ad un’opera italiana.

Da dove salta fuori tutta questa dirompente ironia?

Ce l’abbiamo sempre avuta, forse ora è più evidente.

Nei testi si evince la voglia di stare al passo dei tempi con un relativo adeguamento del vostro linguaggio, è così?

Il tipo di linguaggio che usiamo traspare sin dalla copertina, quello che cerchiamo di fare è proprio quello di tenere conto dei cambiamenti del linguaggio nelle nuove generazioni.

Cosa pensate del fatto che siete una delle ultime rock band rimaste indenni nel 2017?

Una ballad come “Goodbye Kiss” ci ha resi famosi ma questo è il nostro bello: siamo imprevedibili. Il passaggio allo streaming ha condizionato irrimediabilmente l’ascolto della musica ma anche il modo di pensare agli album. Noi non siamo fissati col passato, consideriamo il disco come un’opera d’arte da prendere nel suo insieme ma non pensiamo ai singoli. Di solito la musica contemporanea prende vita nel corso di estenuanti riunioni in cui si riuniscono 12 autori che pensano ai prodotti da studio. Noi invece facciamo musica con il cuore, questo è un disco vero e sentito ed è questo che lo renderà potente facendo la differenza.

 Raffaella Sbrescia

“For Crying Out Loud” tracklist:

1. Ill Ray (The King)

2. You’re In Love With A Psycho

3. TwentyFourSeven

4. Good Fight

5. Wasted

6. Comeback Kid

7. The Party Never Ends

8. Are You Looking For Action

9. All Through The Night

10. Sixteen Blocks

11. Bless This Acid House

12. Put Your Life On It

TicketOne