Campovolo 2015: Ligabue, trecentomila mani e 41 canzoni per la “festa delle feste”

Ligabue live @ Campovolo (scatto pubblicato sulla pagina Facebook dell'artista)

Ligabue live @ Campovolo (scatto pubblicato sulla pagina Facebook dell’artista)

“Ricordo che prima di fare il cantante pensavo che 25 anni nella musica fossero un’infinità.  Ad esempio: i Beatles hanno fatto i Beatles per 10 anni. Vivendoli, però, mi sono veramente volati, credo che sia stato per l’intensità con cui li ho vissuti. Ovviamente non è stato tutto rose e fiori. Quando ho avuto i momenti più duri e, credetemi, ce ne sono stati più di quanti voi non pensiate, io ho sempre potuto sapere una cosa: che potevo contare su di voi e questa è stata una costante di questi 25 anni. È per questo motivo che se la Pennetta, dopo aver vinto i Master ha deciso di ritrarsi, io dopo il mio Campovolo non decido di ritirarmi perché, e ci tengo che lo sappiate, se io posso contare su di voi, fino a quel momento voi potrete contare su di me”. Con queste intense parole intrise di profonda emozione e gratitudine, Luciano Ligabue ha chiuso la grande festa di Campovolo, il suo concerto più lungo di sempre ( 3 ore e 30) con cui ha scelto di festeggiare i suoi primi 25 anni di carriera. I numeri sono tutti da record: 70 metri di palco, 780 metri quadri di un unico megaschermo concavo (il più grande mai realizzato in Italia), un impianto luci megagalattico, 2.000.000 di watt uscenti dalle casse posizionate in tutta l’area concerto, 3 band in altrettanti set ma soprattutto 150.000 fan accorsi da ogni parte d’Italia per un incasso finale di 7,5 milioni e mezzo di euro.

Ligabue live @ Campovolo (scatto pubblicato sulla pagina Facebook dell'artista)

Ligabue live @ Campovolo (scatto pubblicato sulla pagina Facebook dell’artista)

Alle 20.30 in punto una radio gracchia e si sintonizza su una stazione che trasmette le note di “Balliamo sul mondo”. Le lancette tornano magicamente al 1990: il “giorno dei giorni” di Ligabue, può finalmente avere inizio con l’esecuzione live per intero, e in rigoroso ordine di scaletta originale, del disco d’esordio intitolato “Ligabue”. Accompagnato dai ClanDestino, la band dell’epoca composta da Gigi Cavalli Cocchi, Luciano Ghezzi, Max Cottafavi e Giovanni Marani, Ligabue canta con vibrante emozione, occhi fieri e petto gonfio di felicità. L’attenzione ai dettagli e alla memoria storica è l’elemento che fa davvero la differenza. La perla di questa prima trance di concerto è “Piccola stella senza cielo”, proposta esattamente come nei live di allora con le citazioni di “Riders on the storm”, “Knockin’ on heaven’s door”, “See me feel me”, “Because the night” e “Gloria”, arricchita col sax di Emiliano Vernizzi, presente anche in “Sogni di rock and roll”. Magica anche “Non è tempo per noi”, per la prima volta arrangiata nella stessa versione del  disco, in cui la parte di banjo viene affidata ad Anchise Bolchi che interverrà anche col violino in “Angelo della nebbia”. Spazio anche per canzoni “poco fortunate” come “Radio Radianti”. Protagonista  del secondo set live, eseguito anch’esso per intero,  è “Buon compleanno Elvis”. Stavolta ad accompagnare Ligabue, oltre a Pellati ci sono Antonio “Rigo” Righetti, Mel Previte e Fede Poggipollini, altresì noti con il nome de La Banda, i musicisti dell’album dei record ( 1.500.000 copie vendute). Ospiti del set: Max Lugli all’armonica e Pippo Guarnera all’organo Hammond. Sullo sfondo, i contributi spaziano tra passato e presente, tra regia live e immagini d’epoca. Liga è attento a tutto e gioca spesso a cambiarsi d’abito specificando: “Vorrei chiarire che non sto per diventare un fotomodello, per chi non se ne fosse accorto sono semplicemente andato a ripescare alcuni capi originali dei miei videoclip dell’epoca”.  Emozionante anche il brindisi con il suo storico manager Claudio Maioli. Veramente indimenticabile la celebre “Certe notti” anche se non mancano di fascino grandi successi come “Quella che non sei”, “Viva!” e “Hai un momento, Dio?”. In scaletta anche “La forza della banda”, “Non dovete badare al cantante”, “Un figlio di nome Elvis”,  ”Il cielo è vuoto o il cielo è pieno” e una commovente versione di “Leggero”.

Ligabue live @ Campovolo (scatto pubblicato sulla pagina Facebook dell'artista)

Ligabue live @ Campovolo (scatto pubblicato sulla pagina Facebook dell’artista)

Per l’ultimo e attesissimo set, con relativa a scaletta a sorpresa,  Liga arriva sul palco con Il Gruppo: Michael Urbano, Davide Pezzin, Fede Poggipollini, Niccolò Bossini e Luciano Luisi. Luciano rovista tra la sua discografia e infiamma il pubblico infilando una hit dopo l’altra con Giro del mondo : “C’è sempre una canzone”, “Il meglio deve ancora venire”, la prima esecuzione dal vivo di “A modo tuo”, apprezzatissima da Elisa presente tra il pubblico insieme a tanti amici e colleghi del rocker di Correggio, “Non ho che te”, “Sono qui per l’amore”, “Urlando contro il cielo”, “Ho perso le parole”, “Si viene e si va”, “Il muro del suono”. Menzione speciale per “Buonanotte all’Italia”, intensa versione proposta con la proiezione delle foto di alcuni illustri personaggi che hanno segnato la storia del nostro Paese, alternati a persone care nella vita personale e musicale di Luciano. Le ultime perle in scaletta sono “A che ora è la fine del mondo”, “Tra palco e realtà”,  l’intensa “Il giorno di dolore che uno ha” (per buttare fuori tutto in 5 minuti) e la definitiva “Con la scusa del Rock and Roll”. A chiudere la festa, un incredibile spettacolo pirotecnico per illuminare a giorno la notte ricolma di stelle di Campovolo. Ancora una volta Luciano Ligabue ha alzato l’asticella per regalarci e regalarsi un pezzetto di storia da custodire nel cuore.

Raffaella Sbrescia

TicketOne