Levante: Nel Caos tour 2017. Il cuore in primo piano

Levante - Nel Caos di Stanze Stupefacenti - tour ph Kimberley A. Ross

Levante – Nel Caos di Stanze Stupefacenti – tour ph Kimberley A. Ross

Bisogna partire dal cuore, sempre e comunque dal cuore. Questo è quello che Levante ha sempre messo in gioco nelle sue canzoni. Questo è proprio quello che si sente quando si prende parte ad un suo concerto, sempre più simile ad una sorta di celebrazione dei sentimenti. Questo è quanto emerso durante l’ultima data del suo “Nel Caos di stanze stupefacenti tour” all’ Alcatraz di Milano. Tutto è stato molto chiaro fin dal prologo introduttivo: cadere per poi rialzarsi serve per diventare più forti, più consapevoli, più pronti. E così è Levante: pronta, forte, versatile, trascinante. Lei, capace di passare da un pezzo piano e voce come “Caos” (intro del disco) al vorticoso “Non me ne frega niente” mette in luce le sue mille sé senza filtri, senza timore, senza apparenze. Così come aveva predetto, il suo live rispecchia la carica delle canzoni pubblicate nel suo ultimo album: batterie, ritmica e elettronica spadroneggiano sul palco anche se sono i momenti acustici che arrivano dritti allo stomaco. Ma procediamo con ordine: in apertura cinque cartucce importanti: “Le mie mille me”, “Non me ne frega niente”, “Le lacrime non macchiano”, “Ciao per sempre” e “1996 La stagione del rumore”. La risposta del pubblico è subito caldissima rendendo istantaneamente l’idea dello stretto rapporto che Levante ha saputo costruirsi con “la sua gente”.

Levante - Nel Caos di Stanze Stupefacenti - tour ph Kimberley A. Ross

Levante – Nel Caos di Stanze Stupefacenti – tour ph Kimberley A. Ross

Il ritmo è serrato: “Sbadiglio”, “Cuori d’artificio” e “Diamante” sono l’intermezzo prima del clou acustico: “La scatola blu”, “Non vuoi stare bene” ma soprattutto “Abbi cura di te” cantata completamente a cappella da Levante e dal suo pubblico. Migliaia di voci all’unisono per quello che potrebbe essere considerato un mantra per anime allo sbaraglio. La ritmica si rifà prepotente sulle note di “Duri come me”, “Memo” e “Di tua bontà” fino agli immancabili bis: si va da “Alfonso” a “Io ti maledico” fino a “Gesù Cristo sono io” e alla conclusiva “Caos” (outro). Un percorso lineare la carriera di Levante che, negli anni, ha lottato per vivere e realizzare il suo sogno. Lei, che si è conquistata stima e credibilità a suon di pane e concerti, oggi riscuote il meritato successo senza dover rendere dazio a nessuno. Emblema di forza, tenacia, eleganza e intraprendenza, la cantautrice siciliana si è ritagliata uno spazio destinato a crescere grazie alla capacità di leggere, tradurre e semplificare il caos che accartoccia i nostri cuori malmenati da tempi e costumi incomprensibili.

Raffaella Sbrescia

Caos Monologo
Le mie mille me
Non me ne frega niente
Le lacrime non macchiano
Ciao per sempre
1996
Io ero io
Mi amo
Sbadiglio
Cuori d’artificio
Diamante
Lasciami andare
Contare fino a 10

La scatola blu (acustica)
Non stai bene (acustica)
Abbi cura di te (acustica)

Duri come me
Memo
Di tua bontà

Bis.
Alfonso
Io ti maledico
Gesù cristo sono io

CAOS outro

TicketOne