“3460608524″: il nuovo album dei Nobraino risponde ai finti vincenti

Nobraino

Nobraino

Per noi che abbiamo imparato a convivere con questo amalgama misto di speranza e incertezza, il nuovo album dei Nobraino rappresenta un fedele specchio in cui guardare noi stessi. “3460608524″ è tra l’altro, il titolo di un album che nasce proprio con l’idea di interagire con il pubblico in modo diretto grazie ad un vero numero di un cellulare, a cui la band risponderà in giorni e orari precisi. Una dimensione bidimensionale fa da sfondo ad una scrittura ben diversa da quella a cui Kruger ci aveva abituati in precedenza. Toni eleganti e maturi ruotano intorno alle difficoltà esistenziali tra psicoanalisi, brillanti metafore ed encomiabili esercizi di stile. Dal punto di vista sonoro, i 13 brani che compongono la tracklist del disco sono scanditi da riff semplici dall’impatto immediato. Basso e batteria dominano le melodie a discapito di distorsioni e riverberi. Il disco si apre con i colpi di pugno e colpi di ingegno di “Statua” per poi proseguire con i drammi familiari di “Cambiata”: “mi son perso calpestando vetri e cuori”, canta Kruger, dando vita ad una ricerca vituperante. E poi, ancora, “tutti hanno un piano finchè non prendono un cazzotto in bocca”, scrive in “Mike Tyson”: ecco l’era dei finti vincenti. Quella che prende il largo in brani come “Vertigine” e “Soqquadro”. Conoscere il rischio spaventa,  lo sanno bene i Nobraino che scelgono di non ingraziarsi lo zoccolo duro della propria fanbase. La loro evoluzione nasce da un umore scuro che raggiunge l’acme in “Guinzaglio”: sono io che freno la mia felicità. Niente di più vero per noi che cerchiamo di farcela ma senza crederci. Bravi Nobraino, guardate in faccia la realtà e scaraventatecela addosso, così si fa.

Raffaella Sbrescia

TRACKLIST

01. La statua

02. Cambiata

3. Mike Tyson

04. Constatazione amorevole
05. Vertigine
06. Soqquadro
07. Il guinzaglio
08. Darty fuoco
09. Cerchi
10. Centesimo
11. Estate illusoria
12. Peraltro
13. Il tempio di Iside

Ascolta qui l’album:

TicketOne