“Irrequieto”: la musica artigianale di Mezzala. La recensione del disco

MEZZALA-IRREQUIETO web (1)

 “Irrequieto” (The prisoner records/Believe digital), il nuovo album di inediti di Mezzala (nome d’arte del genovese Michele Bitossi), esce a quattro anni di distanza dall’esordio solista “Il problema di girarsi”, anni in cui il cantautore ha realizzato un album e un ep dei Numero 6, ha scritto molte canzoni per sé e per altri e ha lavorato a vari progetti musicali in diverse vesti. In “Irrequieto” Mezzala lavora alla “vecchia maniera”, s’ispira a certi album degli anni 70 alla Ivan Graziani, Eugenio Finardi, Lucio Dalla, Alberto Fortis, Lucio Battisti e pone al centro di tutto la musica. Lunghe e meticolose sessioni di pre produzione hanno scandito le fasi di realizzazione di un lavoro che coinvolge Ivan Rossi e Tristan Martinelli e che cerca di esprimere un amore incondizionato per la musica e per un certo modo di farla. «Sono irrequieto di natura e questo mi porta a fare delle belle cose spesso e a fare grandi errori altrettanto spesso. Odio annoiarmi, scrivo in continuazione», spiega Mezzala, raccontando un disco fatto prescindendo da calcoli e previsioni commerciali. All’interno della tracklist brani come “Le tue paure” e “Mi lascio trasportare” uniscono un’analisi profonda dei sentimenti di tutti i giorni alle possibili soluzioni. Menzione di merito a “Capitoli primi” con il testo di Matteo B. Bianchi e all’emblematica “Chissà” in cui sentiamo Zibba recitare: “Caro Mezzala hai del talento/scrivi in modo originale e profondo/il tuo è un pop intelligente/mi ricorda molto il mondo di quei cantautori romani/fai piacevoli canzoni ma non basta/si tratta purtroppo di musica molto difficile da collocare/le radio non ti passerebbero/(ora siam sui talent)/ma tienimi sempre e comunque aggiornato/ascolto molto volentieri: hai un bel mondo”. Parole che risuonano come macigni e che Mezzala affronta a cuor leggero e con ironia dimostrando tempra, sicurezza e incondizionata dedizione nei riguardi della musica.

 Raffaella Sbrescia

Acquista su iTunes

Tracklist

Le tue paure

Mi lascio trasportare

Biodegradabile

Capitoli primi

Sei l’unica ferita

La classifica

A chi non vuol giocare

Se mi accontentassi

Ancora un po’ bene

Constatazione amichevole

Fino a Liverpool

Chissà

 Video: Le tue paure

 ”Irrequietour” (organizzato da Indiemeno) partirà il 5 novembre da Milano, ecco le prime date confermate:

5 novembre: Milano, Ohibò

7 novembre: Genova, La Claque

18 novembre: Bologna, Barazzo

19 novembre: San Benedetto del Tronto (AP), Birritrovo

20 novembre: Roma, Le Mura

21 novembre: Prato (FI), Capanno Blackout

TicketOne