Intervista ad Annalisa: In “Splende” racconto la vita senza compromessi

annalisa_splende

Elegante, grintosa, matura. Stiamo parlando di Annalisa Scarrone che, forte di un’ottima partecipazione all’ultima edizione del Festival di Sanremo 2015, presenta il suo nuovo album intitolato Splende”, un lavoro discografico che rivela molto della personalità della giovane artista e che, finalmente, mette in luce anche la sua vena di autrice.  Nelle 10 tracce, più la cover di “Ti sento” dei Matia Bazar, Annalisa  intreccia i fili di un percorso individuale evolutivo in cui Kekko Silvestre (Produttore artistico) e Diego Calvetti (Arrangiatore), hanno ricoperto un  ruolo importante.  La forza impattante ed i forti messaggi contenuti in “Splende” racchiudono anche l’essenza dell’ intenso confronto fra Annalisa e alcuni fra i migliori autori italiani come: Campedelli, Cecere, Angiuli, Francesco Sighieri, Consortini, Morettini, Angelosanti, Esposito, Giulia Anania, Dario Faini e naturalmente Silvestre e Calvetti. Nel futuro della cantautrice di Savona c’è il tour di “Splende” con due anteprime al Teatro Nuovo di Milano (1 aprile) e al Parco della Musica di Roma (3 aprile). A conferma di un talento artistico a tutto tondo, a fine anno ci sarà anche il debutto di Annalisa come attrice nel film di Maurizio Casagrande “Babbo Natale non viene da Nord”.

L’intervista:

“Splende” è un album che mette in luce la tua vena di autrice, coinvolge anche tante altre penne importanti e vede Kekko Silvestre dei Modà nella veste di produttore artistico, come ci hai lavorato su?

Ho iniziato a lavorare a questo progetto due anni fa, partendo proprio dalla scrittura, da sola. Alla fine di quel periodo avevo messo insieme un po’ di cose, poi in autunno sono partite lavorazioni diverse e parallele. Ho portato quelle canzoni qui in Warner e ho iniziato a lavorarle con altri autori e mettendo insieme un sacco di brani, parallelamente ho fatto ascoltare tutto a Kekko, alla luce della grande sintonia che ha sempre contraddistinto il nostro rapporto d’amicizia. Al momento dell’ascolto, gli si accesa una scintilla e mi ha indirizzato verso una direzione piuttosto che un’altra . Nel frattempo io ho continuato a scrivere e a mettere insieme delle cose e anche lui ha composto due pezzi per me, ovvero “Una finestra tra le stelle” e “Sento solo il presente”; alla fine, visto che aveva partecipato a tutto il progetto, è diventato il produttore artistico del disco.

Il contenuto del primo brano intitolato “Vincerò” è davvero forte. Potremmo interpretarlo come un simbolo di rinascita personale?

Questa canzone va ascoltata rigorosamente ad alto volume. Dalle parole contenute nel testo emerge la volontà di rialzarsi ma soprattutto il coraggio di prendere delle decisioni che possono sembrare delle sconfitte per poi rivelarsi l’inizio di una vittoria. Proprio quando ti guardi allo specchio  e sai che c’è qualcosa in te che non va bene e fai finta di niente, è lì che scatta il  promemoria di avere il coraggio di affrontare quella difficoltà.

Sei molto legata a “Un bacio prima di morire”, perché?

Sembrerà assurdo ma, quando l’abbiamo scritto, questo pezzo era molto movimentato, un po’ sulla tipologia di “Splende” , eppure qualcosa non quadrava. Una notte io e Calvetti ci siamo messi a rifare le strofe perché non funzionavano. L’arrangiamento voce e pianoforte ci ha spiazzato, siamo finiti a piangere sulle note di quella che è poi diventata una ballatona struggente in cui ci sono tante mie emozioni e che mi travolge emotivamente.

Arriviamo alla performance sanremese, sei soddisfatta di come è andata?

Mi sono piaciuta, sono contenta anche di come ho interpretato “Ti sento”. Ero molto emozionata e si vede, infatti quando mi sono vista mi veniva anche un po’ da ridere, soprattutto quando al momento dell’acuto finale, a cui pensavo dall’inizio, mi hanno fatto un primo piano allucinante (ride ndr).

 “Una finestra tra le stelle” è stata scelta da Samantha Cristoforetti per la sveglia mattutina  ed è stata definita “un inno alla condivisione e al contatto umano”. In un contesto alienante come quello in cui ci troviamo  come si posiziona la tua canzone?

Sono onorata del fatto che Samantha abbia scelto la mia canzone, è stata una cosa che mi ha svoltato la giornata quando l’ho scoperto e la ringrazio tanto. Per quanto riguarda il discorso condivisione, ognuno ha il suo modo di condividersi e lo fa con i mezzi che ritiene opportuni. Quello che volevo fare io con questa canzone era raccontare e condividermi con il mio pubblico come dice il testo stesso: “Disegno una finestra tra le stesse da dividere col cielo, da dividere con me”. C’è voglia di aprire questa finestra e mostrarsi ed è anche un invito agli ascoltatori perché lo facciano anche loro  dall’altra parte della finestra in un affaccio reciproco. In un discorso più ampio, invece, spesso ci si accanisce contro i social network ma io credo che questi strumenti potrebbero anche diventare un mezzo utile per chi ha difficoltà ad esprimersi a parole. Lo dico perché quando avevo 15 anni, non parlavo ma scrivevo tantissimo. Quando ero in classe e volevo dire qualcosa, non parlando, scrivevo bigliettini a tutti. Alla luce di questo esempio, ritengo sia inutile imputarsi in modo anacronistico su questo discorso, bisogna sapere trovare un  giusto compromesso.

Annalisa

Annalisa

“Posizione Fetale” ha davvero dato il via all’intero progetto?

Sì, questo è stato il primo pezzo che ho scritto, il più vecchio, presente nel primo gruppo di brani a cui ho lavorato con altri autori. Quando l’ho fatto ascoltare a Kekko è impazzito, è stato il pezzo che mi ha fatto dire: “Bene, adesso ne scrivi altri 10 così”.

Ci sono diversi fotogrammi che richiamano il mare o comunque la tua terra di Savona, raccontaci il tuo legame viscerale con il mare…

Ho acquisito la consapevolezza che quello è il mio posto, questa cosa mi fa star bene soprattutto quando sono lontana. Senza togliere nulla ai posti in cui ho vissuto, come per esempio Roma, città in cui torno spesso sia per lavoro che per piacere, la casa di Savona è il mio mondo.

“Se potessi” si distanzia un po’ di più dal resto dell’album…anche in questo caso c’è una penna che si appoggia alla melodia che è quella di Giulia Anania. Com’è nata questa collaborazione con lei e come hai interpretato queste parole così intense?

È nata da me. Desideravo tanto che ci fosse un pezzo co-scritto con Giulia e sono partita da una sua poesia. I suoi versi vincolati ad una melodia perdono, è più giusto che la melodia sia al servizio dei suoi versi. Inizialmente lei mi ha mandato delle cose, poi da questa meravigliosa poesia, insieme ad altri due autori, abbiamo incastrato le cose, abbiamo individuato le parti che potevano essere strofa, ritornello e poi le abbiamo musicate. Abbiamo creato melodia, armonia sulle parole ed è stato un metodo vincente. Con Giulia ho parlato tanto, abbiamo trascorso meravigliose giornate a Roma anche per capire in che direzione andare. Lei ha individuato il mio forte legame con il mare e questa voglia di affrontare le cose a muso duro, senza compromessi. Il concetto alla base del brano è lasciarsi travolgere dalle cose, anche quelle negative. Se rimani sospeso a metà, se hai paura di un’emozione, finisci per non vivere.

Annalisa-672x372

Come stai vivendo questo Post-Sanremo, quali impressioni ti ha dato l’instore tour?

Sono molto contenta, sto incontrando davvero tante persone. Una cosa che mi rende veramente entusiasta è che il pubblico è diventato variegato: ci sono ancora tante ragazze che conosco e che sono cresciute con me ma ci sono anche tanti uomini adulti, tante mamme accompagnate dai loro bambini. Questo Festival è stato veramente importantissimo…. Dovrebbe essere un Festival di Sanremo al mese!

Come procedono i preparativi per le anteprime del tour?

Appena finisco di dedicarmi alle tante attività post sanremesi sarò in studio con la band per  organizzare lo spettacolo. L’ 1 aprile al Teatro Nuovo di Milano ed il 3 aprile all’Auditorium della Musica di Roma ci saranno le due anteprime del tour. Vorrei fare una cosa semplice, nella scaletta ci sarà tutto il disco più le hits del mio repertorio. Per quanto riguarda l’aspetto visuale dello show vorrei che fosse tutto congruente, magari riprendere i colori della copertina come oro, nero, blu…insomma vorrei fare una cosa che abbia senso ma senza troppi orpelli,  sarà già bellissimo essere in un teatro!

 Raffaella Sbrescia

Acquista su iTunes

Video: “Una finestra tra le stelle” 

TicketOne