Intervista al Maestro Bruno Santori: fautore della qualità e della commistione

cover_Jazz&Remo il festival

cover_Jazz&Remo il festival

“JAZZ&REMO IL FESTIVAL è il progetto discografico di BRUNO SANTORI musicista, pianista, direttore d’orchestra, arrangiatore e compositore italiano. Nato dalla volontà di accorciare le distanze tra due generi musicali (jazz e pop), l’album rappresenta un omaggio alla grande tradizione musicale sanremese ottenuto rielaborando in chiave jazz i più grandi successi della kermesse. Prodotto da BRUNO SANTORI e Zenart, pubblicato da Solomusicaitaliana (etichetta discografica di Radio Italia) e distribuito da Sony Music, il disco vede la partecipazione di Fabio Crespiatico (basso elettrico), Stefano Bertoli (batteria) e Giulia Pugliese (voce) giovane scoperta che nel 2015 ha partecipato a “The Voice of Italy”.

Intervista

Maestro, da cosa nasce l’idea di questo progetto e con quali prospettive l’album si colloca all’interno del panorama musicale nazionale?

All’interno del panorama nazionale toccherà farci spazio perché la rielaborazione musicale non è poi cosa così diffusa. Per quanto mi riguarda, si tratta di un aspetto da sempre insito in me. Anche nel 2009, quando sono stato direttore musicale del Festival insieme a Bonolis, ho realizzato delle aperture che lasciavano convivere un requiem di Mozart con “Another brick in the Wall” dei Pink Floyd. Ho sempre voluto andare verso qualcosa che ancora non era stato fatto ma è anche vero che da sempre sono arrangiatore di musica pop. Visto che da diversi anni coltivo anche la passione il jazz, mi sono preso un periodo per poterla sviluppare. L’anno scorso festeggiavo i 40 anni dal mio primo Festival di Sanremo quindi ho pensato di ricordare questa ricorrenza facendo un tributo al festival in jazz.

Come ha lavorato al progetto?

Mi sono messo al pianoforte per 4 mesi, ho rielaborato una ventina di brani dal festival, da lì è stata fatta un’accurata selezione insieme a Fabio Caspiatico, Stefano Bertoli e Giulia Pugliese. Per quanto riguarda la scelta della cantante, all’inizio cercavo una voce più matura perché pensavo che nel jazz servisse una vocalità diversa, la presenza del pop invece mi ha spinto a fare in un altro modo.  I primi quattro mesi di lavoro li ho passati modificando le strutture armoniche e ritmiche dei brani cercando di non perdere l’originalità della canzone stessa, rispettandone la linea melodica e la riconoscibilità.

Che rapporto ha con il jazz?

Il jazz per me è la musica classica contemporanea. Se ripensiamo a Beethoven o Bach, capiamo subito quale possa essere il senso e il valore di un componimento estemporaneo non etichettabile. Sicuramente non avrò il plauso dei jazzisti puristi eppure credo di essere riuscito a portare la musica colta in un contesto più ampio. Ho voluto aggiungere un po’ di eleganza in un momento in cui ce n’è sempre più bisogno. Nel mio piccolo credo di avere dato un piccolo contributo affinchè si aprano nuovi scenari, anche Mario Biondi sta facendo musica pop con un piglio jazz.

E con il Festival di Sanremo?

In questo caso si parla di un rapporto di odio-amore. Non lo sto più cercando, l’ho un po’ allontanato dalla mia vita. Ad oggi credo che il Festival si stia macchiando del peccato della televisione, penso che si debba riportare all’attenzione del pubblico il valore artistico non solo di chi partecipa ma di chi in realtà produce questo evento. Al momento è un pò come portare un quadro di Van Gogh in un grande magazzino. Sono le strutture televisive a soffocare il valore artistico delle canzoni, anni fa poteva accadere che l’ultimo classificato potesse essere Vasco Rossi, oggi l’ultimo classificato non se lo fila più nessuno, a questo punto quello che ne esce suona molto come musica di regime; questo è quello che mi preoccupa del Festival.

JAZZ&REMO_M° Bruno Santori

JAZZ&REMO_M° Bruno Santori

Si ritiene un fautore del ritorno alla qualità?

La mia vita è stata soprattutto all’insegna dello studio della musica, non potrò mai essere quel musicista che cerca di colpire un bersaglio che rientra nell’ambito del marketing, per me la musica è l’espressione dell’umanità, un levare in alto sia per chi la fa che per chi l’ascolta, non mi interessa quanti dischi venderò, non mi interessa il successo ottenuto con atti di furbizia o fine a se stesso.

Il ministro del turismo dell’isola, Dr. Edward Zammit Lewis le ha conferito il titolo di “TOURISM AMBASSADOR OF MALTA”. Come vive questa nuova veste?

Sto lavorando alla valorizzazione del patrimonio storico, artistico e culturale di una piccola grande nazione che da sempre è crocevia strategico del Mediterraneo. A questo proposito ho proposto alle più alte cariche dello Stato di intraprendere un percorso di interculturalità musicale mirato all’integrazione bilaterale tra i popoli e ho subito riscontrato una grande disponibilità. Malta rappresenta una grande opportunità per un nuovo modo di intendere la musica e mi spenderò molto per far sì che questo possa accadere.

Considerando la sua lunga e prestigiosa esperienza, come pensa sia cambiata nel tempo la figura del direttore d’Orchestra e cosa pensa del nuovo trend che vede tanti nuovi giovani maestri a dirigere sul podio?

 Spesso vedo giovani direttori d’Orchestra dirigere orchestre storiche e, sebbene io rispetti molto i giovani e li sostenga da sempre, ritengo che il ruolo di direttore d’orchestra sia quello di una persona matura che con la propria esperienza possa impostare il suono dell’orchestra attraverso il proprio spessore personale.  Sinceramente non posso pensare che questo possa accadere con un giovane di 20 anni, l’orchestra ha bisogno di qualcuno che produca un pensiero alto, altamente professionale e di grande esperienza. Il ruolo del direttore d’orchestra non va ripensato, penso piuttosto che vada capito il significato del suo ruolo e quali sono i motivi per cui debba essere scelta una persona invece di un’altra.

Raffaella Sbrescia

BRUNO SANTORI presenterà live “JAZZ&REMO IL FESTIVAL” nel corso del Kaz Jazz Fest 2017che si terrà tra il 7 e il 17 settembre a Bodrum (Turchia) e il 14 ottobre durante il Candle Festival di Birgu a Malta.

Questa la tracklist del disco: “E non finisce mica il cielo”; “Quello che le donne non dicono; “E poi”; “Cambiare”; “Ancora”; “Adesso tu”; “Luce”; “Vacanze Romane”; “Il cuore è uno zingaro”; “Volare”; “Le mille bolle blu”.

TicketOne