“Guardo il mare”, il nuovo singolo di Enzo Gragnaniello. La recensione

enzo gragnaniello

“Guardo il mare” è il nuovo singolo del noto cantautore napoletano Enzo Gragnaniello. Un canto di bellezza e di dolore, la descrizione di un mondo deturpato da un’umanità alienata ed alienante. Un brano che rappresenta il frutto delle profonde e delicate intuizioni di un animo abituato a riflettere sui mali e sulle preziosità che, da sempre, caratterizzano un territorio peculiare e fin troppo spesso martoriato. Sonorità dolci, tipicamente mediterranee, arricchite dal morbido fascino della chitarra di Gragnaniello, danno vita ad un testo controverso, pensato per mettere in risalto brutture e contraddizioni di un mondo che, invece di sedurci, ci rende tristi e spaesati. La profondità e la maestosa immensità del mare si contrappongono, infatti, ad una realtà distrutta da “chi ha fatto soltanto schifezze”.

Enzo Gragnaniello Ph Luigi Maffettone

Enzo Gragnaniello Ph Luigi Maffettone

Guardare le onde del mare, in eterno circolo, ci aiuta a cercare una speranza  aldilà di un orizzonte ancora in grado di offrirci l’occasione di redimerci  e di ritrovare la nostra essenza più intima. In “Guardo il mare” Gragnaniello non fa sconti a nessuno: condanna e punta il dito senza troppe premesse, i suoi affondi sono lame implacabili che si scagliano contro gli imbroglioni, contro le “cape malate”, contro chi parla solo della crisi e della gente uccisa ma soprattutto contro chi lucra sulle disgrazie che annebbiano i sogni delle nostre caduche anime malandate.

Enzo Gragnaniello Ph Luigi Maffettone

Enzo Gragnaniello Ph Luigi Maffettone

Enzo, dall’alto della sua pluridecennale esperienza artistica, riesce a mettere nero su bianco una perplessità latente, quel “non voglio parlare”, cantato con ferma impenitenza, esprime tutta la voglia di lasciarsi il male alle spalle, lui, che è nato a vico Cerriglio, il vicolo più stretto di tutta Napoli, conosce bene i limiti e le possibilità dell’animo umano e, proprio per questo, ha sentito l’esigenza di esporsi per metterci a nudo di fronte a noi stessi e credere ancora in una redenzione tuttavia possibile.

Raffaella Sbrescia

TicketOne