Subsonica live al Fabrique di Milano: una travolgente detonazione di messaggi sonori

Subsonica live @ Fabrique -Milano ph Francesco Prandoni

Subsonica live @ Fabrique -Milano ph Francesco Prandoni

Vent’anni di palchi, di sudore, di autentica energia. Vent’anni di storia e di musica da racchiudere in un pugno di canzoni; sulla carta una missione ardua e complessa dal vivo,  invece, tutt’altro discorso. I Subsonica hanno messo a punto una perfetta cronistoria in grado di raccontare non solo il loro percorso ma anche l’evoluzione del nostro tempo. Sul palco del Fabrique di Milano per la prima delle tre date meneghine dell’ “Una foresta nei club tour”, il gruppo torinese propone al pubblico lo special concept che raccoglie tre brani di ognuno dei sette album che compongono la propria discografia. Il concerto prende vita alle 22.00 sulle note di “Come se”: confondersi, perdersi, nascondersi, immergersi  tra flussi di note suadenti e melliflue diventa un perfetto processo terapeutico. La funzione purificatrice e salvifica dei flussi fluidi delle note costruite dai Subsonica subisce una traslazione di natura carnale, oseremmo dire erotica. Il corpo si abbandona al richiamo ancestrale sonoro e si lascia penetrare da ritmi e parole. Il viaggio dei Subsonica parte dal 1997 insinuandosi tra le intercapedini dei ricordi lasciati a mezz’aria, il primo boato emotivo scoppia sulle note di “Aurora Sogna”: gioia, slancio e furore colorano angoli, volti e occhi. L’oscurità emotiva raccontata da Samuel e compagni prende forma attraverso flussi sonori metallici e freddi eppure le parole s’insinuano tra tangenziali di pensieri e finiscono per intorpidire le paure che ci attanagliano la mente.

Di fondamentale importanza il passaggio semantico risalente al 2005: i principi radicanti fondati sulla tecnologica e paesaggi fantascientifici lasciano il posto al mondo naturale e a una fisiologica necessità di riavvicinamento alla tangibilità delle emozioni reali ed ecco “Terrestre”. “Fuori è un mondo fragile”, cantano i Subsonica, mantenendo vivida una disarmante attualità. “La vita spesa è una discarica di sogni”, spiegano in “Corpo a corpo”.

Subsonica live @ Fabrique -Milano ph Francesco Prandoni

Subsonica live @ Fabrique -Milano ph Francesco Prandoni

Perplime la scelta di fermare il concerto per una pausa, si resta come sospesi e tramortiti in un limbo di smarrimento, a riportarci coi piedi per terra è Max Casacci che, reduce da un infortunio, rientra sul palco autodefinendosi una via di mezzo tra Dave Grohl e Pierangelo Bertoli. Il “Presi”, chiama il pubblico a raccolta per un ultimo e definitivo chiarimento in merito alla querelle che ha visto i Subsonica vittima di un clamoroso misunderstanding telematico: «Abbiamo innescato un invito a riflettere sulla comunicazione 2.0. Fin da quando abbiamo iniziato a fare musica, abbiamo sempre avuto l’ambizione di ricoprire un ruolo importante all’interno della storia musicale italiana. Uno dei riferimenti che ci ha sempre visti tutti d’accordo è un padre musicale verso il quale abbiamo sempre avuto ammirazione e rispetto, costui è Ennio Morricone». Del tutto superfluo aggiungere altro a queste esaustive parole (per chi volesse saperne di più: http://m.repubblica.it/mobile/r/sezioni/spettacoli/musica/2016/02/22/news/accuse_di_plagio_a_morricone_i_subsonica_raccontano-133974964/?ref=m%7Chome%7Cspalla%7Cpos_1) .

Il viaggio sonico riprende dal 2007: il reale detonatore del concerto è racchiuso nella  triade composta da “Il centro della fiamma”, “Veleno”, Benzina Ogoshi”. Particolarmente significativo l’omaggio ai C.S.I racchiuso proprio nell’irriverente testo dell’ultimo brano citato: “ Io sto bene sto male, io non so come stare , io non so dove stare  non studio non lavoro non guardo la TV non vado al cinema non faccio sport. Io sto bene io sto male io non so cosa fare non ho arte non ho parte non ho niente da insegnare è una questione di qualità o una formalità”; parole che meglio di altre descrivono uno status quo generalizzato e diffuso.

Subsonica live @ Fabrique -Milano ph Francesco Prandoni

Subsonica live @ Fabrique -Milano ph Francesco Prandoni

Si arriva al 2014, l’excursus si conclude con i brani tratti da “Una nave in una foresta”, l’ultimo album pubblicato dai Subsonica. “Si tira dritto sfiorando il precipizio”, scrivono in “Specchio”, uno dei brani più brillanti di tutto il disco, da interpretate seguendo molteplici chiavi di lettura. “Tutto gira in fretta intorno a noi che respiriamo liberi aria e lacrimogeni  stretti contro il tempo che verrà”, il senso e la forza de “I cerchi degli alberi” contrastano con una latente sensazione di prigionia ed inerzia mentale a fronte di un cambiamento travolgente, che troppo spesso non riusciamo a fronteggiare. L’energia ed il monito di rinascita di “Lazzaro” lascia, infine, il passo a “Tutti i miei sbagli”, una creatura sonora che non perde slancio perché legata a doppio filo alla caducità umana: a caduta libera, in cerca di uno schianto per sentirci vivi, usciamo dal Fabrique con una carica adrenalinica intensa e ben diramata tra le membra inumidite. Lunga vita ai Subsonica, vent’anni sulle spalle portati magnificamente.

Raffaella Sbrescia

 

Luca Carboni alla riscossa con il suo “Pop Up tour”. Il report del sold out al Fabrique di Milano

Luca Carboni @ Fabrique ph Francesco Prandoni

Luca Carboni @ Fabrique ph Francesco Prandoni

Con la super hit “Luca lo stesso” Luca Carboni ha scalato le classifiche delle radio italiane e si è imposto anche all’attenzione dei giovanissimi dopo aver celebrato il trentennale della sua bellissima carriera con “Fisico & Politico”, il disco di duetti pubblicato nel 2013. Successivamente alla pubblicazione di un nuovo album di inediti, intitolato “Pop Up” (Sony Music), il cantautore bolognese ritorna sui palchi dei club italiani con il “Pop Up tour”,  prodotto da F&P Group e lo fa partendo dal Fabrique di Milano. Pubblico delle grandi occasioni e diretta in radiovisione su Rtl dimostrano subito grandi aspettative da ambo le parti. La scaletta assemblata è molto ricca con 23 brani per due ore di concerto senza stop. Sul piatto tanti brani tratti da  ”Pop-Up” ma anche successi intramontabili, tra gli altri segnaliamo “Mare Mare”, “Farfallina”, “Silvia lo sai”, “Fragole buone buone”, “Ci vuole un fisico bestiale”.

Luca Carboni @ Fabrique ph Francesco Prandoni

Luca Carboni @ Fabrique ph Francesco Prandoni

Ad arricchire lo show, pensato in chiave contemporanea, una serie di filmati ispirati alla pop art, laser mapping di ultima generazione e tanto colore sia musicale che visivo. Arrangiamenti inediti e nuove versioni in chiave electropop di brani tratti dai lavori precedenti, batterie elettroniche, synth e campionamenti misti sono gli elementi che Luca Carboni e la sua affiatata band scelgono per narrare storie agrodolci che sanno ancora emozionarci. Il viaggio musicale proposto dall’artista ha le radici ben piantate negli anni ’80  ma ha saputo trovare canali di interconnessione con i giorni nostri: “Luca lo stesso”,  “Milano”, “Bologna è una regola”, la bellissima “Chiedo scusa”, ispirata dalla poetessa Szymborska,  “Dio in cosa crede”, “ 10 minuti” sono solo alcune delle ultime produzioni di Luca Carboni che, nonostante qualche imprecisione di troppo, dimostra di avere ancora una passione incontenibile ed un entusiasmo tanto autentico quanto spiazzante, soprattutto se  messo a confronto con quello di tanti altri giovani artisti che cominciano soltanto adesso ad affacciarsi sul panorama musicale italiano.

 Raffaella Sbrescia

Le date del Pop Up tour Club 2016

FEBBRAIO
20 FEBBRAIO, TORINO – TEATRO DELLA CONCORDIA DI VENARIA REALE
23 FEBBRAIO, SAN BIAGIO DI CALLALTA (TV) – SUPERSONIC ARENA
25 FEBBRAIO, NONANTOLA (MO) – VOX CLUB
27 FEBBRAIO, ROMA – ATLANTICO
28 FEBBRAIO, NAPOLI – CASA DELLA MUSICA

MARZO
1 MARZO, BARI – DEMODÈ
4 MARZO, CIVITANOVA MARCHE – DONOMA
8 MARZO, FIRENZE – OBIHALL
17 MARZO, PARMA – CAMPUS INDUSTRY MUSIC

APRILE
7 APRILE, PISA – TEATRO VERDI
14 APRILE, BRESCIA – TEATRO PALA BANCO
17 APRILE, BOLOGNA – ESTRAGON

Il primo concerto di Benji & Fede al Fabrique di Milano: piccoli divi crescono

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

È iniziata l’avventura live di Benji & Fede. Dopo l’ottimo riscontro ottenuto dall’esordio discografico di 20:05 (Warner Music,) i due giovani si sono esibiti sul palco del Fabrique di Milano per il loro primo affollatissimo concerto. Emozionante assistere alla prima vera esibizione di queste due giovani promesse del pop nostrano; accompagnati dalla loro band,  Benjiamin Mascolo e Federico Rossi hanno naturalmente proposto al giovanissimo pubblico tutti i brani contenuti nel loro Ep. Su tutti evidenziamo “Tutta d’un fiato”, “Tempo di cambiare” e “Lettera”; brani che se già nel disco avevano destato attenzione per freschezza e contenuto, anche dal vivo dimostrano quel quid da cui Benji & Fede dovrebbero trarre spunto per un nuovo lavoro di inediti. Curato e variegato il medley di cover eseguite in acustico: “Piccola stella senza cielo” di Ligabue,  “She will be loved” dei Maroon 5, Wake me Up” di Avicii, “Let her go” di Passenger, Thinking out loud” di Ed Sheeran lasciano trasparire i gusti e i riferimenti musicali di Benji e Fede, sempre pronti ad interagire attivamente con le tante fan accorse in transenna con tanto di genitori al seguito.

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Sfizioso il dissing con Fred De Palma e Shade che si sono sfidati sul palco a suon di rime freestyle. Carina l’idea di far salire una fan sul palco e dedicarle “Prendimi per mano”; pronto a soddisfare le insistenti richieste del pubblico Fede si è anche sfilato la maglietta tra le urla delle fan deliranti. Ancora un paio di canzoni come “Senza te” e il bis di “Tutta d’un fiato” finoo alla pioggia di coriandoli sparati sul finale. Il bilancio di questa prima prova live è sicuramente buono, Benji & Fede dimostrano di saper reggere il palco e il loro pop è fresco e gradevole. Certo c’è tanto da lavorare ma, a giudicare da questi primi passi, I due ragazzi dimostrano di avere le idee chiare e tanta voglia di crescere. Staremo a vedere se il tempo darà loro ragione.

 Raffaella Sbrescia

Leggi l’intervista a Benji & Fede

Setlist

Fino a farmi male

Tutta d’un fiato

Lunedì

New York

Da quando ci sei tu

Medley in acustico cover:

Piccola stella senza cielo

She will be loved

Wake me up

Let her go

Thinking out loud

Stroboscopica

Dissing con Fred De Palma e Shade

Tempo di cambiare

Lettera

Io e lei

Bis:

Prendimi per mano

Senza te

Tutta d’un fiato

 Photogallery a cura di: Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

Benji & Fede live ph Luigi Maffettone

 

 

Soundtracks live: le opere d’arte sonore di Apparat al Fabrique di Milano. Il report

Apparat live ph Luigi Maffettone

Apparat live ph Luigi Maffettone

Un’esperienza totalizzante, che raccoglie i pensieri,  i sensi, i muscoli. Tutto questo è un live di Sascha Ring, aka Apparat, il dj e compositore tedesco noto per le sue creazioni sonore fuori dagli schemi. La consacrazione definitiva, sancita  dagli eccellenti riscontri ottenuti dalle musiche originali per “Il giovane favoloso”, il film del regista napoletano Mario Martone sulla vita di Giacomo Leopardi, candidato a ben 14 David di Donatello, lo ha riportato in Italia con “Soundtracks live”. Un concerto che ha toccato diverse città italiane e che lo scorso 3 ottobre è arrivato anche al Fabrique di Milano. Bar chiusi e telefonini rigorosamente spenti per una performance autorevole, seria, che non ammette distrazioni. Ogni minimo dettaglio è necessario e sufficiente affinchè lo spettatore non perda nemmeno una nota dii flussi sonori costruiti con cura artigianale e dal fascino ancestrale. Affiancato dalle creazioni visive dei Transforma Visuals, il gruppo di artisti che ormai da tempo firma le creazioni visive pensate per  entrare nel fulcro embrionale degli ambienti sonori di Apparat, l’artista tedesco fonde abilità e ingegno, progresso e tecnologia ma anche visione creativa e suggestione estemporanea.

Apparat live ph Luigi Maffettone

Apparat live ph Luigi Maffettone

Il merito più importante di Apparat e degli eccezionali musicisti che lo accompagnano sul palco è quello di riuscire a far confluire tutti questi elementi all’interno di creazioni sonore, vere e proprie opere d’arte, in grado di offrire un’ininterrotta serie di emozioni ed interpretazioni. Echi, richiami, prismi di colori, arcobaleni di suoni sono costruiti, cercati e condivisi con l’intento, assolutamente riuscito, di creare un incantesimo sonoro di una bellezza tanto intensa quanto indescrivibile.

Apparat live ph Luigi Maffettone

Apparat live ph Luigi Maffettone

Apparat coniuga tradizione e sperimentazione attraverso imprevedibili innesti di suoni e di note. Un viaggio continuo che, pur non conoscendo pause, riesce a spostare di volta in volta il baricentro interpretativo di ogni singolo spettatore che, in questo modo, diventa parte integrante di un universo quantistico carico di energia. Una tensione viva, palpabile, fruibile in grado di creare un contesto magico in cui la musica di Apparat rappresenta un irresistibile richiamo al sublime fascino di una bellezza eterea e perturbante al contempo.

Raffaella Sbrescia

In attesa degli MTV EMA 2015, Milano ospiterà la MTV MUSIC WEEK: una cascata di eventi e concerti in città

 EMA_Diamond_Logo_White_Borderless

In attesa degli MTV EMA 2015 (in programma il 25 ottobre al Mediolanum Forum di Assago), sabato 17 ottobre partirà la MTV MUSIC WEEK: per 8 giorni tutta la città di Milano sarà invasa da concerti, djset, showcase, presentazioni, serate a tema, eventi a sorpresa, aperitivi e party che vedranno coinvolti ospiti italiani e internazionali.

Per la prima volta in Italia, la MTV MUSIC WEEK ospiterà il celebre format internazionale CLUB MTV con i migliori dj di musica dance ed elettronica. Due appuntamenti in programma: martedì 20 ottobre  CLUB MTV & Brosway presentano MAJOR LAZER, venerdi 23 ottobre CLUB MTV & Tim Music presentano Rollover Special Edition with: 2MANYDJS. Gli eventi CLUB MTV si terranno al Fabrique, che diventerà dunque la casa della musica dance della MTV MUSIC WEEK.

Ma non è tutto. Ecco alcuni dei principali eventi in programma durante la MTV MUSIC WEEK: sabato 17 ottobre  FABRI FIBRA (live – c/o Fabrique); lunedi 19 ottobre MECNA (live – c/o Tunnel); martedì 20 ottobre  STEREOPHONICS (live – c/o Alcatraz); mercoledì 21 ottobre MTV Spit Tour – Tappa finale (live c\o MTV Music Street); giovedi 22 ottobre SELAH SUE (live – c/o Magazzini Generali); sabato 24 ottobre PETITE MELLER (live – c/o Wall). Ma molti altri eventi si aggiungeranno nelle prossime settimane.

All’interno della MTV MUSIC WEEK, e in occasione degli MTV EMA, nell’ambito del Palinsesto ExpoinCittà che coinvolgerà numerosi operatori della filiera musicale, a Palazzo Reale si svolgerà il 23 e 24 ottobre il convegno nazionale intitolato “MUSICA VIVA. Verso un patto per la musica live nelle città del futuro”. Il convegno, promosso dal Comune di Milano e SIAE, nasce con l’intento di mettere a confronto le buone pratiche sviluppate a livello locale, nazionale e internazionale volte alla valorizzazione e alla semplificazione normativa del comparto musicale e far convergere le diverse istanze di rinnovamento che si stanno attivando nel paese nel settore della musica live.

Per maggiori informazioni sulla MTV MUSIC WEEK vai su mtv.it/musicweek e segui tutti gli aggiornamenti anche suFacebook. L’hashtag ufficiale è #MTVMusicWeek. Tutti gli eventi della MTV MUSIC WEEK sono inoltre inseriti nel più ampio calendario di ExpoinCittà.

Altra importante novità sarà la MTV Street: una strada nel centro di Milano – via Corsico (zona Navigli) – che per 8 giorni diventerà il luogo deputato del divertimento meneghino. La MTV Street ospiterà a tutte le ore del giorno eventi, live, anche a sorpresa, incontri, workshop e molto altro, che trasformeranno la via in una vera e propria strada della musica che porterà dritta al suo cuore pulsante: un live stage che per tutta la settimana ospiterà djset, concerti, street battle tra giovani rapper e tante altre sorprese musicali e non!

La MTV MUSIC WEEK si concluderà sabato 24 ottobre in Piazza Duomo con un grande concerto gratuito che avrà come protagonisti alcune star italiane ed internazionali (che verranno annunciate nei prossimi giorni). Anche il concerto di Piazza Duomo rientra nel calendario di ExpoinCittà .

Main Partner della MTV MUSIC WEEK sono Tim Young&Music e Brosway, mentre Tezenis Underwear e Fiesta Ferrero sono Official Partner e Beck’s è Official Beer. Supporter Partner è Saikebon.

Media Partner ufficiali della MTV MUSIC WEEK e degli MTV EMA 2015 sono Corriere della Sera, Radio 105, Cosmopolitan e Zero Edizioni.

Artisti di fama mondiale, celebrità e ospiti dello star system, le hit più amate e le performance più spettacolari…. tutto questo saranno, ancora una volta, gli MTV EMA, tra i più ambiti award show internazionali, che quest’anno andranno in scena a Milano, domenica 25 ottobre al Mediolanum Forum di Assago (in collaborazione con EXPO Milano 2015) e in diretta su tutti i canali MTV del mondo. Le nomination degli MTV EMA 2015 sono state annunciate in questi giorni, si vota fino al 24 Ottobre alle 23.59 su mtvema.com.

È la seconda volta che Milano ospita il grande award show di MTV e la terza per l’Italia: l’evento che ogni anno porta il meglio degli artisti e della musica internazionale in una città diversa, si è infatti già svolto a Milano nel 1998 e a Roma nel 2004.

 

Olly Murs in concerto a Milano per la data italiana del Never Been Better tour. Il live report

Olly Murs

Olly Murs

Sono passati anni da quando Olly Murs prendeva parte all’ edizione inglese di X Factor nel 2009. Diventato  in poco tempo una delle popstar più amate in Gran Bretagna, il cantante si è esibito per la prima volta in Italia sul palco del Fabrique di Milano per presentare il nuovo album “Never been better”. Carico, sorridente ed entusiasta, Olly ha intrattenuto il pubblico, principalmente femminile, per circa un’ora e mezza di concerto. Particolarmente predisposto all’interazione con gli astanti, Murs si è spesso prodigato in interventi parlati, battute, moine e siparietti spensierati. Accompagnato dalla sua band e da due effervescenti coristi, Olly Murs colpisce per la forma e l’energia, un po’ meno per i contenuti delle sue canzoni. Se da un lato la forza del live sta tutta nella performance da navigato intrattenitore della popstar britannica, dall’altro i testi non si rivelano all’altezza delle aspettative. Con una scaletta strategicamente comprensiva sia dei successi degli ultimi due album che di alcune cover, il live è filato liscio senza particolari scossoni.

Partendo da Did You Miss Me alla dedica per le donne in sala Hand on Heart, passando per Dance With Me Tonight a Let Me In, Right Place Right Time, la romantica Beautiful To Me e Dear Darlin, Murs si è anche concesso un duetto con Emma Morton (ex X Factor 8) che ha sostituito la voce dell’altra teen idol Demi Lovato nell’interpretazione del successo Up. Particolarmente riuscita la versione di Uptown Funk di Mark Ronson e la mashup di Wrapped Up e Treasure. Il gran finale è tutto incentrato sull’inno pop Troublemaker, brano realizzato in collaborazione con Flo Rida e che ha visto la forte partecipazione di gran parte del pubblico presente. Padrone del palco e della folla, Olly Murs possiede le caratteristiche richieste dallo show business dei giorni nostri, non  gli rimane che approfondire il  lavoro sui testi per colmare le lacune di un percorso che, sebbene sia fortemente in crescita, presenta ancora dei margini di migliorabilità.

Raffaella Sbrescia

Scaletta  Fabrique Milano

Did You Miss Me Right Place Right Time Why Do I Love You Hey You Beautiful Hand on Heart Never Been Better Seasons Thinking of Me / Busy / Please Don’t Let Me Go Oh My Goodness Hope You Got What You Came For Heart Skips a Beat Up Dance With Me Tonight Let Me In Dear Darlin’ Uptown Funk (Mark Ronson cover) Beautiful to Me Troublemaker Encore: Nothing Without You Wrapped Up

 

Pentatonix live al Fabrique di Milano: si balla con le hits cantate a cappella

Pentatonix

Pentatonix

Hanno la musica nel sangue, il loro repertorio è completamente trasversale e sul palco la reciproca alchimia è palpabile. Loro sono i Pentatonix: il quintetto vocale made in USA, vincitore del talent della NBC “The Sing-Off”, si è esibito in concerto al Fabrique di Milano lo scorso 14 aprile riscuotendo un fortissimo successo da parte del pubblico. La formula vincente dei Pentatonix è racchiusa in un irresistibile mix di successi pop riarrangiati con stile e personalità. Originari di Arlington, Texas,  Scott Hoying, Kirstie Maldonado, Mitch Grassi, Avi Kaplan e Kevin “K.O.” Olusola hanno consolidato un sound riconoscibile attraverso i loro straordinari rifacimenti a cappella di alcune tra le maggiori hit contemporanee che, tra le altre cose, gli hanno fruttato persino la vittoria di un Grammy per il Best Arragement Instrumental or A Cappella.  Voci che si mescolano, sguardi che si intrecciano e travolgenti beatbox creano la melodia e racchiudono il fulcro dello spettacolo live.  Dal basso di Avi Kaplan fino al falsetto di Mitch Grass, la grinta di Kristle e l’adrenalina di Scott Haying per finire  con il talentuosissimo beatboxer Kevin Olusola, la cassa armonica dei Pentanonix è completa  ed il risultato è una coinvolgente festa di suoni e colori.

Sold out da mesi, l’evento ha subito preso la piega di un incontro intimo, in cui il pubblico ha avuto la possibilità di interagire con i propri beniamini a più riprese. Particolarmente divertente il momento in cui i cinque hanno coinvolto con loro sul palco una delle irriducibili fan in prima fila dedicandole persino una canzone. In due ore  di pura voce, i Pentatonix hanno scalato anche le vette più insidiose del pentagramma passando da brani molto ritmati ad altri più intimi passando da  “Papautai”, “La La Latch”, a “Rather Be”, “See Through”, “On my way Home” e tantissime altre canzoni famosissime. L’attimo fuori dagli schemi è stato offerto dal particolare assolo di Kevin Olusola che ha presentato un proprio brano strumentale al violoncello elettrico, senza rinunciare alla consueta ritmica del beat box.  Sul finire del concerto Mitch Grassi ha anche annunciato l’arrivo di PTX – versione italiana che uscirà in esclusiva per l’Italia il prossimo 24 aprile e che rappresenta, in sintesi, l’ultimo step prima del nuovo atteso lavoro di inediti del gruppo, sempre più intenzionato a mettersi alla prova su canzoni ed arrangiamenti di propria manifattura.

Raffaella Sbrescia

The Minutes tour: una serata electropop con Alison Moyet al Fabrique di Milano

Alison Moyet live @ Fabrique Ph Francesco Prandoni

Alison Moyet live @ Fabrique Ph Francesco Prandoni

In occasione del suo nuovissimo ‘The Minutes Tour 2015′, la cantante inglese Alison Moyet si è esibita in concerto al Fabrique di  Milano riportando sul palco non solo  tutte le hits della sua trentennale carriera ma anche le intense composizioni contenute nel suo ultimo album di inediti intitolato “The Minutes”.  Per l’unico appuntamento italiano della trance europea del tour, l’artista, sobria nel vestire ed elegante nelle movenze, ha coinvolto e divertito il pubblico con una scaletta interamente improntata alla sperimentazione elettronica. Synthpop ed electropop hanno scandito i grandi successi di Alison, nota al pubblico per la sua voce caratterizzata da toni bassi molto potenti, a cavallo tra blues e soul.  Successi storici come  ‘Only You’, ‘Don’t Go’, ‘Situation’, Nobody’s Diary’, ‘ Is this Love’, ‘Weak in the Presence of Beauty’, ‘Ordinary Girl’, ‘Sleep Like Breathing’, ‘Whispering Your Name’ hanno ancora una volta messo in luce la vibrante eleganza di una voce corposa, melodica, ricca, a tratti dark. Alla luce del suo intenso vissuto e della forte longevità artistica, Alison  Moyet si è divertita a giocare con suoni, tonalità e temi, anche difficili, dimostrando che,dopo anni di silenzio, la sua identità artistica è ancora ben salda.

 Raffaella Sbrescia

 La scaletta

Horizon Flame

Nobody’s Diary (Yazoo song)

When I Was Your Girl

Ordinary Girl

Changeling

Remind Yourself

Is This Love

Winter Kills

Falling

Filigree

Only You

Apple Kisses

This House

All Signs of Life

Right as Rain

Waiting

Love Resurrection

Situation

Encore:

Whispering Your Name

All Cried Out

Don’t Go

 

Previous Posts