Gianni Morandi e Claudio Baglioni: i Capitani Coraggiosi tornano in tour e sbarcano in radio

Capitani Coraggiosi © Angelo Trani

Capitani Coraggiosi © Angelo Trani

Hanno vissuto l’epopea dell’industria musicale italiana, hanno conquistato un saldo posto nel cuore di svariate generazioni di italiani eppure Gianni Morandi e Claudio Baglioni non hanno perso nemmeno un briciolo del proprio entusiasmo e della loro radicata passione per la musica. I due Capitani Coraggiosi, pronti a rimettersi in gioco a quattro mesi di distanza dai concerti tenuti al Foro Italico di Roma, hanno incontrato la stampa musicale a Milano per una conferenza – show all’interno dello Chateau Monfort. Nel corso di una chiacchierata informale, durata poco più di due ore, i due artisti hanno mostrato di essere fortemente in sintonia, non sono mancate punzecchiate ironiche e divertenti, aneddoti legati al tour ma anche ad episodi legati alle singole carriere dei due e soprattutto non è mancata la musica: Morandi ha coinvolto Baglioni in una emozionante acoustic session perfetta per mettere in luce le doti vocali di ciascuno ma anche per evidenziare la voglia e l’impegno di ciascuno nel mostrare i frutti di tanti anni di mestiere. “Siamo felici di ripartire con questo viaggio che doveva essere solo un’avventura romana. Durante l’ultimo concerto ho avuto un momento di commozione. Scendendo dal palco ho pensato ‘Che Peccato’. Una volta tornati a casa abbiamo visto e ascoltato tutto di nuovo ed è arrivata la voglia di ripartire”, ha spiegato Baglioni. “Stiamo lavorando per le arene al coperto, più grandi rispetto al Foro, e vorremmo mantenere alcune particolarità, come i laser mapping e la scenografia virtuale, che fin qui ci ha dato soddisfazione. Comunque la durata del Tour dipenderà dall’usura di Morandi”, ha scherzato il cantautore.

Capitani Coraggiosi @ Angelo Trani

Capitani Coraggiosi @ Angelo Trani

Il tour ripartirà a febbraio, i biglietti venduti sinora sono oltre 100mila per un concerto che in tre ore di spettacolo concentra ben 50 hit che hanno fatto la storia della canzone italiana. “Il nostro mestiere è cantare. Dare energia, entusiasmo senza starci a lagnare troppo”, ha afffermato Baglioni a cui ha fatto eco Morandi: “Molti brani della nostra scaletta sono un invito alla speranza. E in un momento così difficile penso ce ne sia bisogno”. Il grande feeling tra i due è tangibile, crea un clima di rilassata complicità e risulta molto originale. Il progetto, che getta nuova luce anche sulle singole carriere, attirando a sé chi Morandi e Baglioni non li ha mai seguiti, sta incontrando anche un forte riscontro da parte dei più giovani. Un’altissima richiesta che porterà i Capitani Coraggiosi  sui plachi di singole città anche per diverse sere di fila.

COVER CD _CAPITANI CORAGGIOSI - IL LIVE_

Le canzoni che ogni sera, dal 19 febbraio, saranno proposte al pubblico dei live, sono raccolte in “Capitani Coraggiosi – Il Live”, album in uscita il 5 febbraio realizzato con le registrazioni delle serate al Foro Italico di Roma. Nella versione Deluxe ci sarà anche l’album di prove in studio e il dvd “Oltre la pioggia” con il backstage dello speciale andato in onda su Rai Uno. “In una scaletta così lunga come quella che abbiamo proposto nei live, abbiamo cercato di ricreare una piccola opera con un’evoluzione dinamica e di sonorità”, ha spiegato Baglioni. Anche Morandi è della stessa idea: “Abbiamo cercato di far rivitalizzare le nostre canzoni, senza mai stravolgerle”. Da questa sera e per altri quattro appuntamenti, i due Capitani saranno sulle frequenze di RTL 102.5 con Radio Capitani Coraggiosi. Ogni venerdì, dalle 19.00 alle 21.00, Baglioni e Morandi diventeranno conduttori radiofonici accompagnati da Angelo Baiguini, un appuntamento sui generis ricco di aneddoti e chicche da non perdere.

Raffaella Sbrescia

 

 

Federica Lipuma & Enrico Zanisi Duo live a Napoli, un house concert intimo e coinvolgente

Federica Lipuma & Enrico Zanisi ph Luigi Maffettone

Federica Lipuma & Enrico Zanisi ph Luigi Maffettone

Lo scorso 9 dicembre, tra quattro chiacchiere, un buon bicchiere di vino e amichevoli sorrisi si è svolto il nuovo house concert concepito dai pregevoli mecenati del jazz napoletano Alberto Bruno e Ornella Falco. Solo 40 fortunati hanno potuto assistere, infatti, alla performance musicale del “Federica Lipuma & Enrico Zanisi DUO”. Due talenti che, seppur anagraficamente giovani, si muovono sulla scena musicale internazionale da svariati anni. Il loro connubio artistico risale, per l’appunto al 2010 e, grazie alla condivisione di gusti musicali e alla ricerca di un sound originale, si è creato fin da subito un grande interplay che li ha portati ad esibirsi in numerose location jazz siciliane, romane ed intercontinentali. Con un repertorio incentrato sulle più belle e famose canzoni della storia del Jazz, rivisitate in chiave personale e brani originali della cantante e del pianista Enrico Zanisi, vincitore del prestigioso premio “Top Jazz 2012″, la serata ha rappresentato una gradita occasione di convivialità e arricchimento culturale. Arrivederci al prossimo appuntamento!

Photogallery a cura di: Luigi Maffettone

Federica Lipuma & Enrico Zanisi ph Luigi Maffettone

Federica Lipuma & Enrico Zanisi ph Luigi Maffettone

Federica Lipuma & Enrico Zanisi ph Luigi Maffettone

Federica Lipuma & Enrico Zanisi ph Luigi Maffettone

Federica Lipuma & Enrico Zanisi ph Luigi Maffettone

Federica Lipuma & Enrico Zanisi ph Luigi Maffettone

Federica Lipuma & Enrico Zanisi ph Luigi Maffettone

Federica Lipuma & Enrico Zanisi ph Luigi Maffettone

Federica Lipuma & Enrico Zanisi ph Luigi Maffettone

Federica Lipuma & Enrico Zanisi ph Luigi Maffettone

Federica Lipuma & Enrico Zanisi ph Luigi Maffettone

Federica Lipuma & Enrico Zanisi ph Luigi Maffettone

Federica Lipuma & Enrico Zanisi ph Luigi Maffettone

Federica Lipuma & Enrico Zanisi ph Luigi Maffettone

Federica Lipuma & Enrico Zanisi ph Luigi Maffettone

Federica Lipuma & Enrico Zanisi ph Luigi Maffettone

Federica Lipuma & Enrico Zanisi ph Luigi Maffettone

Federica Lipuma & Enrico Zanisi ph Luigi Maffettone

Federica Lipuma & Enrico Zanisi ph Luigi Maffettone

Federica Lipuma & Enrico Zanisi ph Luigi Maffettone

 

 

I Portico tengono a battesimo il palco dell’Hart, il nuovo spazio polifunzionale di Napoli

Portico live @ Hart - Napoli ph Luigi Maffettone

Portico live @ Hart – Napoli ph Luigi Maffettone

Trasformazione, evoluzione, slancio, competitività, avanguardia. Questi i cardini lungo i quali si sono mossi Luciano Stella, Sigfrido Caccese e Mariano Pierucci investendo nell’Hart di via Crispi 33 a Napoli: un mega locale innovativo destinato ad accogliere in egual misura cinema, musica e cibo all’interno di un format dal respiro dichiaratamente internazionale. Oltre alla possibilità di guardare dei film comodamente sdraiati sul letto indossando delle cuffie, l’utenza potrà soddisfare le più disparate esigenze d’intrattenimento proprio grazie all’idea di trasversalità che attraversa il concept della struttura. A tal proposito, una menzione speciale va fatta al concerto che lo scorso 7 dicembre ha tenuto a battesimo il palco dell’Hart. Protagonista della serata la rock band dei Portico. Dopo tre album, una nomination al Mercury Prize e una serie di assestamenti, la band torna a suonare dal vivo con “Living Fields”, un inedito live set  in cui la ricercatezza del mondo jazz si sposa ad un coinvolgente tappeto di suoni elettronici. Il risultato è sofisticato ma godibilissimo; una nuova era è iniziata.

Photogallery a cura di: Luigi Maffettone

Portico live @ Hart - Napoli ph Luigi Maffettone

Portico live @ Hart – Napoli ph Luigi Maffettone

Portico live @ Hart - Napoli ph Luigi Maffettone

Portico live @ Hart – Napoli ph Luigi Maffettone

Portico live @ Hart - Napoli ph Luigi Maffettone

Portico live @ Hart – Napoli ph Luigi Maffettone

Portico live @ Hart - Napoli ph Luigi Maffettone

Portico live @ Hart – Napoli ph Luigi Maffettone

Portico live @ Hart - Napoli ph Luigi Maffettone

Portico live @ Hart – Napoli ph Luigi Maffettone

Portico live @ Hart - Napoli ph Luigi Maffettone

Portico live @ Hart – Napoli ph Luigi Maffettone

Portico live @ Hart - Napoli ph Luigi Maffettone

Portico live @ Hart – Napoli ph Luigi Maffettone

Portico live @ Hart - Napoli ph Luigi Maffettone

Portico live @ Hart – Napoli ph Luigi Maffettone

Portico live @ Hart - Napoli ph Luigi Maffettone

Portico live @ Hart – Napoli ph Luigi Maffettone

MAL presenta ELIO E LE STORIE TESE: 3 cd e dvd con materiali inediti e contenuti speciali. Tutto quello che non sapevate sugli inizi di EELST

Elio e le Storie Tese

Elio e le Storie Tese

In occasione del 26º, 23º e 22º compleanno dei loro primi pioneristici long-playing, Elio e Le Storie Tese hanno deciso di ristrutturarli  dal punto di vista sonoro grazie alle nuove tecnologie tra cui il sistema stereofonico e la rimasterizzazione , arricchire l’offerta originale, già integrata con l’accoppiata vinile più CD – di un DVD (per album), della durata media di due ore ciascuno tra materiali inediti, girati amatoriali d’epoca, interviste ai protagonisti, concerti dal vivo e contenuti speciali, ed esaltare il ruolo di Mal, definito deux ex machina dei proto Eelst, ovvero colui che seppe indirizzarli nella carriera a metà degli anni ’80, nonchè produttore segreto dei primi tre album di cui riportiamo sia i titoli originali che quelli ristrutturati: “Mangoni Samaga Hukapan Kariyana Turu (Elio Samaga Hukapan Kariyana Turu, 1989), Türk, Rum Casusu Çikti (Italian, Rum Casusu Çikti, 1992), Entro nel tuo corpo e ho poca paura ( Esco dal mio corpo e ho tanta paura, 1993).

Copia di 3album6 (2)

Animati dalla consueta verve brillante che li contraddistingue Elio e Le Storie Tese hanno accolto la stampa al circolo Arci Bellezza di Milano, proprio in compagnia di Mal, per un incontro esplicativo:  “Buongiorno, siamo in ritardo perché ci hanno che detto essere in anticipo faceva poco figo. Siamo qui per presentare un progetto di cui vogliamo parlare con un amico che abbiamo incontrato per caso, un meccanico quantistico, esperto di metaverso. Un mentore che non c’è in questa dimensione e che invece è stato il testimone degli inizi della nostra carriera e che addirittura ha prodotto le canzoni dei nostri primi dischi, lui viene dal Galles, si chiama Paul Bradley Couling ma tutti noi lo conosciamo come Mal. Proprio lui è andato in questo nostro universo parallelo, ha preso nota di ciò che è accaduto, ce ne ha portato traccia e noi abbiamo realizzato questo film documentario diviso in tre parti con il contenuto sonoro dei nostri primi tre album rimasterizzati e con ore e ore di materiali video inediti. I tre supporti – spiegano gli EELST – riguardano i primi 3 album rimasterizzati e rimiscelati per un’esperienza sonora decisamente migliorata e ognuno dei dischi contiene i dvd con materiali originali dell’epoca, a dimostrazione del fatto che parallelamente ai dischi facevamo attività dal vivo, attività video-cinematografica sperimentale, ci sono spezzoni di momenti risalenti alla Milano che fu: per esempio i live al Magia Music Eventi, storico locale che ci pagava con consumazione unica o doppia, a seconda del numero delle nostre performance a sera, poi sono arrivate le lire del vecchio conio e infine abbiamo svoltato. Naturalmente ci sono tanti materiali di cui ignoravamo praticamente l’esistenza dati i piccoli buchi mnemonico-temporali che ci affliggono. Tutto questo è stato  possibile grazie al produttore Claudio Dentes, che ci ha gentilmente fornito tutto questo materiale audio-video di cui ci eravamo dimenticati e della cui  esistenza,  in verità, non eravamo a conoscenza. Ringraziamo anche colui che ci ha resi “belli, belli in modo assurdo”, il regista  Davide Fara e Fabio Curti che ha lavorato in maniera indefessa a questo progetto”.

3album4 copia 2 (1)

L’irriverente complesso decide, così, di fare i conti con il passato rivelando segreti e curiosità. Su tutte spicca il ruolo di Mal, che spiega: “Ho cominciato la mia carriera negli anni ’60, ho cantato in tutto il mondo però ad un certo punto mi sono stancato di girare, volevo fare qualcosa di più sostanzioso, volevo produrre musica e portare al successo qualcuno. Per questo motivo, all’interno di questo mondo parallelo, ho trovato questo gruppo che suonava qui a Milano, l’ho visto suonare e mi sono convinto che avrebbe avuto successo. All’epoca il gruppo si chiamava Stefano e i suoi amici ma quel nome lì non era adatto. A quel punto ho deciso di cambiargli il nome, ho deciso come dovevano cantare, cosa e dove ed ecco che, all’interno di questo mondo parallelo, il gruppo è davvero diventato fortissimo”.

Elio e le Storie Tese in conferenza stampa

Elio e le Storie Tese in conferenza stampa

 Infine se tutti vi stavate chiedendo se il gruppo ha intenzione di sciogliersi ci pensano i diretti interessati a dissacrare le dicerie: “Non sappiamo se andremo in tour perché non ci è ancora chiaro se ci sciogliamo o no. Inizialmente avevamo intenzione di scioglierci, poi dopo le insistenti voci sul nostro scioglimento, qualcuno di noi ha pensato che potesse essere un’idea vincente.  Stiamo valutando l’ipotesi di creare 5 o 6 sottogruppi divisi in Elio e Le Storie Tese Experience.  C’è anche l’idea di un tribute band, facendo due conti porteremmo a casa un grandissimo incasso (ridono ndr)”.

Raffaella Sbrescia

 

Angelo Branduardi live: un incanto musicale d’altri tempi al Teatro Bellini di Napoli

Branduardi-1

Anticonvenzionale, stimolante, carismatico. Angelo Branduardi è un artista unico all’interno dello scenario musicale italiano e, in quanto tale, ogni suo concerto rappresenta un evento degno di particolare attenzione. Quello di cui parleremo oggi è il live che l’artista ha tenuto al Teatro Bellini di Napoli nell’ambito del Camminando Camminando tour 2015, un percorso di musica e parole scandito da distinti momenti per diverse esperienze sensoriali. Ad accompagnare Branduardi in questo affascinante percorso sono Michele Ascolese chitarra elettrica, acustica; Stefano Olivato contrabbasso, basso, armonica a bocca; Leonardo Pieri tastiere, fisa; Davide Ragazzoni batteria e percussioni. La festa inizia con Si può fare:“si può fare, si può crescere, cambiare e continuare a navigare”, canta Branduardi, continuando con la meravigliosa Gulliver, la cui melodia è ispirata dalla ballata Bretone “Ev Chistr ‘Ta, Laou!”, “Domenica e lunedì, canzone tratta da una poesia di Franco Fortini, poi La serie dei numeri, ripresa di un canto popolare della Bretagna presente nella raccolta Barzhaz Breizh, e ancora La ragazza e l’eremita”, “Il cantico delle creature,” Il sultano di Babilonia e la prostituta e “La predica della Perfetta letizia”.

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

“Confessioni di un malandrino” apre la seconda parte, lungo la quale in forma più acustica si inseguono le favole “La luna”, “Sotto il tiglio”, tratta da un lied tedesco, “Il dono del cervo”, “La favola degli aironi”, “La canzone di Angus il vagabondo”, dai versi di Yeats. Più vicini ai giorni nostri “Barbrie Allen”, “Rosa di Galilea”,  da un brano dei Vangeli apocrifi e la bellissima “Lord Franklin”, sulla ricerca del passaggio a nord-ovest per il Polo, Colonne di Ercole di tutti i naviganti. Nelll’assolo di violino che chiude il concerto, Branduardi  rivela le sue sfumature più recondite, rivelando, attimo dopo attimo, il risultato di un intreccio perfetto di sonorità complesse scaturite da semplici frasi riprodotte dall’eco.  Elegantemente melodici anche i richiestissimi bis concessi da messèr Branduardi : “Cogli la prima mela, arricchita dai un nuovissimo arrangiamento e Cercando l’oro lasciano il pubblico in febbricitante estasi: la diretta conseguenza di un’esperienza dalla valenza quasi mistica.

Photogallery a cura di: Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Angelo Branduardi live @ Teatro Bellini Ph Luigi Maffettone

Giro del Mondo: Ligabue lancia l’album live con 4 inediti e continua il suo trionfale Mondovisione tour

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

Da martedì 14 aprile è disponibile “Giro del  mondo” l’album live che conterrà tutte le emozioni del “Mondovisione Tour”, tra date in Italia e nel resto del Mondo, oltre a 4 brani inediti. Il disco si trova sia  in formato standard (doppio cd +dvd), che in formato deluxe (triplo cd + doppio dvd oppure triplo cd + blu-ray) e nelle versioni digitali.

Tra i 4 brani inediti contenuti in “Giro del Mondo” ci sono il primo singolo, già in rotazione radiofonica, “C’è sempre una canzone” e“A modo tuo”: entrambi sono brani scritti dal Liga e interpretati rispettivamente da Luca Carboni e Elisa. Questi brani vengono adesso riproposti, totalmente riarrangiati, in un’inedita e imperdibile versione.

“I campi in aprile” e “Non ho che te” sono i titoli degli altri due brani inediti che sono contenuti in “Giro del mondo” e che completano un progetto pensato per imprimere i punti più importanti di un percorso fitto di successi e grandi soddisfazioni per un artista che non smette di sorprendere il suo pubblico.

Le foto del concerto di Ligabue al Palamaggiò di Caserta – Ph Luigi Maffettone

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

 

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

 

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

 

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

 

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

 

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

 

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

 

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

 

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

 

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

Ligabue live @ Palamaggiò Ph Luigi Maffettone

 

Francesco De Gregori live al Forum di Assago: la poesia del Principe ipnotizza Milano

Francesco De Gregori live @ Forum di Assago ph Francesco Prandoni

Francesco De Gregori live @ Forum di Assago ph Francesco Prandoni

Dopo la trionfale data d’apertura al Palalottomatica di Roma, Francesco De Gregori approda al Mediolanum Forum di Assago con “Vivavoce tour”, la grande avventura live con la quale l’artista romano propone dal vivo, con una serie di date in tutta Italia, i brani tratti dal recente doppio album intitolato «Vivavoce» (già doppio disco di platino). Ad intrattenere il Forum, gremito fin dalle 20, il giovane e validissimo cantautore Paolo Simoni che ha presentato alcuni brani del suo ultimo album di inediti “Si Narra Di Rane Che Hanno Visto Il Mare” (Warner Music). Alle 21 è la volta del Principe ed è subito evidente che si tratta di un concerto importante, caratterizzato da un’acustica particolarmente nitida con voce e strumenti musicali in forte risalto. Considerato, a ragione, uno dei più importanti cantautori italiani, De Gregori si muove come un capitano in un vasto mare di parole immaginifiche traghettando il pubblico nei meandri di un viaggio a ritroso nel tempo. Con una scaletta di 30 canzoni fatta di tanti capolavori e numerose piccole perle, De Gregori emoziona spettatori di tutte le età con la freschezza e la genuinità di chi affida la propria forza comunicativa semplicemente alle parole e alla propria musica. La scelta di arrangiamenti inediti sorprende gli spettatori senza tuttavia destabilizzarli grazie a delle linee melodiche sempre riconoscibili e capaci di penetrare a fondo nell’anima. Il live è tutto un susseguirsi di suggestioni: si va dalla coinvolgente «Caterina», impreziosita dal suono della sua inimitabile armonica, alla sconfinata dolcezza di «Bellamore» del 1992, a «Il canto delle Sirene» del 1987, fino a «La leva calcistica della classe’68». Forum in delirio sulle note di «Generale», proposta in una versione molto emozionante. «Sotto le stelle del Messico a trapanàr» a «La ragazza e la miniera» del 1983 cedono il passo a «Il futuro» cover di Leonard Cohen che De Gregori si limita a tradurre ed interpretare per poi proseguire in un continuo altalenarsi di brani del suo repertorio, a volte lasciati più fedeli alle loro versioni originali, a volte completamente stravolte.

Francesco De Gregori live @ Forum di Assago ph Francesco Prandoni

Francesco De Gregori live @ Forum di Assago ph Francesco Prandoni

A metà concerto la sorpresa: Luciano Ligabue sale sul palco del Forum non solo per duettare con il Principe sulle note di “Alice” (come nell’album VivaVoce) bensì per cantare ben quattro pezzi. Accolto da un’ovazione, Ligabue imbraccia la chitarra e inizia a intonare “Non dovete badare al cantante”. De Gregori lo accompagna e duetta con lui, per poi passare da “Atlantide” ad “Alice” e chiudere con “Il muro del suono” dello stesso Ligabue. Il concerto prosegue poi in un piacevolmente interminabile sequela di classici, da “Niente da capire” a “Titanic”, da “Buonanotte Fiorellino” a “Vai in Africa”. I bis sono “La donna cannone” e “Rimmel”, seguite da un’intensa “Can’t Help Falling In Love”. A chiudere il concerto sono due tra i brani certamente meno noti della sua sterminata carriera, “Sono Cose”, da Mira Mare 19.4.89, e “Volavola” da “Per brevità chiamato artista”, scelte per lasciare nel cuore la sensazione di aver assistito ad un evento memorabile.

Raffaella Sbrescia

 La scaletta

Finestre Rotte 

Viva L’Italia 

Il Panorama di Betlemme 

Caterina 

Un guanto 

Bellamore 

Il canto delle sirene 

La leva calcistica della classe ’68 

La testa nel secchio 

Generale 

Sotto le stelle del Messico a trapanàr 

La ragazza e la miniera 

Il Futuro (cover di Leonard Cohen) 

Belle époque 

Mayday 

Non dovete badare al cantante 

(Ligabue cover) (with Ligabue)

Atlantide 

(with Ligabue)

  1. Alice 

(with Ligabue)

  1. Il muro del suono 

(Ligabue cover) (with Ligabue)

Niente da capire 

Guarda che non sono io 

Titanic 

Buonanotte Fiorellino 

Vai in Africa, Celestino 

Encore:

La donna cannone 

Rimmel 

Can’t Help Falling In Love (cover di Elvis Presley)

Encore 2:

Cose 

Volavola 

Previous Posts