Videointervista a Dardust: da autore, compositore e producer a direttore d’orchestra a Sanremo

Dardust

Dardust

Dario Faini, in arte Dardust, è Direttore d’orchestra a Sanremo 2019 con Mahmood, in gara con “Soldi”. In queste ore Mahmood ha ricevuto anche il Premio Enzo Jannacci di NUOVOIMAIE, il riconoscimento dedicato alla migliore interpretazione tra i vincitori di Sanremo Giovani. Cogliamo l’occasione per incontrare Dario che, tra l’altro è autore di spicco all’interno del panorama musicale italiano, compositore di brani inediti e produttore artistico (solo per citare uno degli ultimi lavori, nominiamo “Love” dei The Giornalisti.

Qui una approfondita videointervista a cura di: Raffaella Sbrescia

Francesco Renga: “Aspetto che torni” crea un corto circuito emotivo in me”. Intervista

© Toni Thorimbert - FRANCESCO RENG

© Toni Thorimbert – FRANCESCO RENG

Francesco Renga è in gara al Festival di Sanremo con “Aspetto che torni”, una canzone che fa leva sull’emotività dell’artista, un’intensa istantanea del Francesco di oggi. Stasera Francesco Renga reinterpreterà “Aspetto che torni” con Bungaro, coautore del brano insieme C. Chiodo e Rakele, e l’esibizione sarà impreziosita da una coreografia eseguita dall’étoile Eleonora Abbagnato insieme all’étoile Friedemann Vogel.

Intervista

Cosa ti riporta sul palco dell’Ariston e cosa vorresti comunicarci con questo brano?

“Aspetto che torni” è una canzone molto speciale. Ho sempre sfruttato il Festival di Sanremo per fermare passaggi importanti della mia vita e della mia carriera artistica. Questo è uno di quelli e ci tenevo a condividerlo con tutti voi da questo palco.

Questo brano racchiude i cardini della poetica che mi ha contraddistinto negli ultimi anni, racconta le mie assenze e le mie presenze creando un corto circuito emozionale dentro di me. Il 2019 è un anno molto particolare, comincio ad avere la stessa età in cui mia madre se ne è andata e i miei figlio hanno invece l’età che avevo io quando mi ha lasciato. Avevo bisogno di uno sfogo e di raccontare i piccoli momenti di felicità che spesso abbiamo intorno e di cui non ci accorgiamo cercandoli altrove. Dopo 30 anni ho fatto pace con questo abbandono, ho fatto tesoro del dolore e ho abbracciato la rabbia e il rancore che mi hanno pervaso l’anima in questi anni.

Cosa ne pensi di questa rosa di cantanti in gara?

La qualità delle canzoni è davvero molto elevata, credo che non si sia mai rappresentato così tanto bene il panorama musicale italiano e sono felice di poter partecipare con la mia storia.

Come ti confronti con le penne più giovani del nostro cantautorato?

Ci sono molti talenti giovani da cui cerco di carpire i cardini del linguaggio, hanno un modo di scrivere fresco e diretto. Mi confronto da tempo con giovani autori per cercare di andare avanti al meglio. Resto coi piedi per terra e le orecchie aperte, pronto a capire e tradurre con la mia sensibilità, la mia cifra, il mio stile tutti gli spunti che arrivano per rendere la mia musica un qualcosa di unico ma più contemporaneo.

Come si arriva a decidere di andare Sanremo con tanti anni di carriera sulle spalle?

Il palco di Sanremo lo puoi domare solo se hai qualcosa di così importante, urgente, intimo, coinvolgente e privato da dire, tanto da impegnarti da un punto di vista emozionale da dimenticare dove ti trovi. Nel mio disco nuovo ci sono tante cose meravigliose che però qui non avrebbero trovato posto perché non erano figlie dello stessa urgenza espressiva. “Aspetto che torni” è arrivata da me tramite Claudio Baglioni, l’ho ascoltata in modo violento e ho capito subito che risvegliava delle cose che gridavano dentro di me, per troppo tempo in fermentazione. In una notte travagliata ho riscritto il testo, alla fine è rimasto solo il ritornello poi con Tony ho individuato una scrittura classica che mi ha dato modo di tornare un po’ alle mie origini.

Come vivi il tuo ruolo di padre in questo contesto socio-culturale?

Faccio quello che posso, esattamente come tutti i genitori. Il mio essere artista si traduce nel mio lavoro. Scrivere canzoni è il mio modo fisico di stare al mondo, ed è l’unico modo che ho. Resto ben ancorato alle cose concrete della vita. I figli mi hanno fatto crescere, mi hanno reso responsabile, mi hanno fatto guardare la vita attraverso il loro sguardo. Tutto questo mi terrorizza ma mi dà anche forza. Vivo una vita normale, sono innamorato e sono fiero della mia provincialità. Vivere in una piccola città ti fa sentire protetto, ora i ragazzi vivono la società in modo decisamente diverso, ora si gioca on line, non ci si incontra più di persona. Questo mi spaventa molto ma cerco di tenere tutto sotto controllo.

Raffaella Sbrescia

 

Nino D’Angelo e Livio Cori: portiamo la luce di Napoli a Sanremo e lottiamo contro il pregiudizio

Nino D'Angelo e Livio Cori_ph.Flavio e Frank

Nino D’Angelo e Livio Cori_ph.Flavio e Frank

 

Nino D’Angelo e Livio Cori sono insieme sul palco del Teatro Ariston con “Un’altra luce”. Un duetto inedito che vede incontrarsi uno degli artisti che ha segnato un pezzo di storia della musica italiana e una delle voci emergenti della scena urban napoletana. Il risultato è l’incontro tra due generazioni a confronto unite dalla stessa terra e dalla stessa passione per le storie di vita vissuta. Il dialogo tra due delle mille facce di Napoli , un confronto tra mondi, un passaggio di testimone generazionale. Il brano, a metà tra italiano e dialetto napoletano, è scritto da Nino D’angelo e Livio Cori insieme a Big Fish, e presenta sonorità soul internazionali, sotto la produzione di Big Fish, Gianclaudio Fracchiolla e Frank Fogliano. Il primo capitolo di una nuova avventura per Livio Cori che, in questa occasione, vedrà pubblicato “Montecalvario”, album d’esordio in scuderia Sugar, tutto in lingua napoletana.

Videointervista

Ghemon a Sanremo 2019 con “Rose viola”: dalla musica alla stand up comedy con sacrificio e umiltà.

Ghemon @ Sala stampa Lucio Dalla -Sanremo
“Rose Viola” (Carosello Records e Artist First) è il brano con cui Ghemon  è in gara alla 69^ edizione del Festival di Sanremo. Il singolo è acquistabile in formato 45 giri in edizione esclusiva su vinile colorato viola, che contiene oltre alla versione originale, anche quella realizzata con gli artisti che accompagneranno Ghemon sul palco nella serata ospiti: Diodato e i Calibro 35.
In “Rose Viola”, la voce soul e black di Ghemon trasfigura la sensibiltà di una figura femminile assuefatta da un rapporto logoro e fragile. Nel racconto dell’artista, la donna si ritrova sola e in lacrime nel cuore della notte, mentre ripensa a quanto l’amore che una volta le aveva riempito il cuore ora sia un sentimento esausto e malsano a cui, però, non riesce a dire basta. Ad arricchire questo brano, la versione che include una strofa inedita scritta e cantata da Diodato. Il non plus ultra è il contributo dei Calibro 35, uno dei pochi gruppi musicali italiani che unisce abilmente chitarre fuzz, organi distorti, bassi ipnotici e funk grooves, dando vita ad un immaginario cinematografico.
 
Intervista
Negli ci hai abituato a tanti cambi di pelle ma il tuo sound conserva un tocco riconoscibile.
Calco il palco di Sanremo con l’intento di distinguermi, dimostrare che la mia voce, trovata e conquistata grazie a lunghi anni di studio e gavetta, riesca a declinare in tanti modi diversi la musica italiana. Mi piace essere più versatile che specifico. Quello che faccio oggi è fluido, ci ho messo tanta fatica per essere libero di fare questo genere di cose. Quello che mi prefiggo di fare è progredire e, in questo senso, il disco che uscirà sarà il proseguimento naturale di non percorso evolutivo sempre attivo.
Per te che sei emblema di un substrato culturale particolarmente profilico quali sono i modi, i tempi e i luoghi in cui trovi ispirazione?
L’ispirazione viene dalla vita. Spesso viaggio in metropolitana, amo soffermarmi sui particolari di tutto quello che mi circonda
Tornando al mondo sanremese, se avessi potuto scegliere una cover, cosa avresti cantato?
Amo sparare alto, avrei cantato volentieri “E poi” di Giorgia ma sono molto legato a “La terra dei cachi” di Elio e le storie tese”.
Ghemon - rose viola

Ghemon – rose viola

Sei attento ai particolari ma sei anche attivo in campo solidale. Quali sono le cause a cui tieni di più?
Credo nel potere del coraggio, sono passato attraverso tanti fuochi e situazioni diverse. La realtà non è fatta solo di sogni ma anche di tante spine. Io provo a raccontarle e a sostenere chi prova districarvisi all’interno. Tra le varie cose, ho messo all’asta un paio di scarpe della mia collezione privata,  quello con cui ho calcato il palco del Festival durante la prima serata, a favore di un’asta di beneficenza organizzata da Charity Stars per aiutare le donne che soffrono di disturbi alimentari, ci tengo molto.
Che rapporto hai con la ricerca e con l’arte in generale? Ci sono altri modi in cui declini la tua sensibilità artistica?
Fin da ragazzino avevo il cuore pulito e sognavo a voce alta. A volte mi scambiavano per un presuntuoso ma ho sempre amato muovermi tra le cose che mi piacevano. Ho lavorato tutti i giorni, nessuno mi ha mai regalato nulla, dal mondo rap mi sono spostato al canto studiando tanto, ho scritto un libro e solo di recente ho cominciato a cimentarmi con la stand up comedy. Questo mondo mi piace molto, mi consente di tirare fuori l’ironia che mi contraddistingue nella vita privata e che nelle canzoni non riesco sempre a tirare fuori. Non escludo di poter continuare a percorrere questa strada, far sorridere una persona è un’emozione impagabile. Mi sento di dire che, all’interno di un mondo dove grazie a Internet diventi famoso in 10 minuti, mi approccerò a questa arte con grande rispetto. Mi sembra che questo sia un messaggio importante da trasmettere: le cose belle bisogna sudarsele.
Raffaella Sbrescia

I Negrita festeggiano le nozze d’argento a Sanremo 2019: I ragazzi stanno bene e si sente. Videointervista

Negrita

Negrita

Esce oggi “I Ragazzi Stanno Bene“, brano in gara al 69° Festival di Sanremo, scritto e composto dai Negrita e prodotto da Fabrizio Barbacci.

I Ragazzi Stanno bene” farà parte della raccolta omonima “I RAGAZZI STANNO BENE 1994-2019” in uscita il prossimo 8 febbraio. L’album celebra i 25 anni di carriera dei Negrita: 32 brani che ripercorrono la storia della band toscana più tre inediti: “I Ragazzi stanno bene”, “Andalusia” e “Adesso basta”.

Videointervista:

 

Enrico Nigiotti a Sanremo 2019: Con “Nonno Hollywood” porto avanti la mia crescita artistica.

Nigiotti foto di Daniele Barraco

Nigiotti foto di Daniele Barraco

Nonno Hollywood”, il nuovo singolo di ENRICO NIGIOTTI in gara al 69° Festival di Sanremo e vincitore del Premio Lunezia per Sanremo. A dirigere l’orchestra per Enrico Nigiotti al Festival di Sanremo è il Maestro Federico Mecozzi,il più giovane direttore d’orchestra di questa edizione. Nella serata dei duetti, l’artista si esibirà con Paolo Jannacci e Massimo Ottoni.

 Qui la videointervista completa.

Da oggi, mercoledì 6 febbraio, è in radio e disponibile in digital download e su tutte le piattaforme streaming “Nonno Hollywood”, il nuovo singolo di ENRICO NIGIOTTI in gara al 69° Festival di Sanremo e vincitore del Premio Lunezia per Sanremo. A dirigere l’orchestra per Enrico Nigiotti al Festival di Sanremo è il Maestro Federico Mecozzi, il più giovane direttore d’orchestra di questa edizione. Nella serata dei duetti, l’artista si esibirà con Paolo Jannacci e Massimo Ottoni.

Inoltre, sempre da oggi, è online il video del brano, regia di Fabrizio Cestari, che vede protagonista il cantautore livornese immerso nello splendido paesaggio dell’isola del Giglio.

Il video di “Nonno Hollywood” è disponibile al seguente link:

https://youtu.be/qX0Zee7f6u8

Il brano “Nonno Hollywood”, scritto dallo stesso Enrico Nigiotti, prodotto da Fabrizio Ferraguzzo e arrangiato da Fabrizio Ferraguzzo e Enrico Brun, è un brano introspettivo e autobiografico che, attraverso la perdita di una persona importante, racconta di una generazione odierna con abitudini e passioni differenti rispetto al passato.

Il singolo è contenuto nell’edizione speciale del suo ultimo album di inediti “Cenerentola e altre storie…” (Sony Music Italy), in uscita il 15 febbraio. Oltre il brano sanremese, l’album conterrà anche un inedito dal titolo “La ragazza che raccoglieva il vento”, dedicata alla celebre poetessa e scrittrice Alda Merini.

Al via da aprile “Cenerentola tour”, il tour teatrale di ENRICO NIGIOTTI. Sul palco l’artista sarà accompagnato da Andrea Torresani (direzione musicale, basso/contrabasso), Andrea Polidori (batteria), Mattia Tedesco (chitarre elettriche e acustiche) e Fabiano Pagnozzi (Tastiere e piano).

Queste le date del tour:

3 aprile – Pala Riviera SAN BENEDETTO DEL TRONTO (data zero);

4 aprile – Teatro Duse BOLOGNA;

9 aprile – Teatro Puccini FIRENZE;

10 aprile – Teatro Della Concordia TORINO;

14 aprile – Teatro Politeama Greco LECCE;

15 aprile – Teatro Acacia NAPOLI;

17 aprile – Teatro Toniolo MESTRE (VE);

23 aprile – Teatro Politeama Genovese GENOVA.

Il tour è una produzione Massimo Levantini per 1Day; per tutte le info: www.unoday.it.

 

 

Il singolo è contenuto nell’edizione speciale del suo ultimo album di inediti “Cenerentola e altre storie…(Sony Music Italy), in uscita il 15 febbraioOltre il brano sanremese, l’album conterrà anche un inedito dal titolo “La ragazza che raccoglieva il vento”, dedicata alla celebre poetessa e scrittrice Alda Merini.

Al via da aprile “Cenerentola tour”, il tour teatrale di ENRICO NIGIOTTI. Sul palco l’artista sarà accompagnato da Andrea Torresani (direzione musicale, basso/contrabasso), Andrea Polidori (batteria), Mattia Tedesco (chitarre elettriche e acustiche) e Fabiano Pagnozzi (Tastiere e piano).

Queste le date del tour:

 

3 aprile - Pala Riviera SAN BENEDETTO DEL TRONTO(data zero);

4 aprile - Teatro Duse BOLOGNA;

9 aprile - Teatro Puccini FIRENZE; 

10 aprile - Teatro Della Concordia TORINO;

14 aprile - Teatro Politeama Greco LECCE;

15 aprile - Teatro Acacia NAPOLI;

17 aprile - Teatro Toniolo MESTRE (VE);

23 aprile – Teatro Politeama Genovese GENOVA.

 

Il tour è una produzione Massimo Levantini per 1Day; per tutte le info: www.unoday.it.

Simone Cristicchi a Sanremo 2019 con “Abbi cura di me”: una poesia in musica. Videointervista

Simone_Cristicchi ph Ambra Vernuccio

Simone_Cristicchi ph Ambra Vernuccio

 

Simone Cristicchi è tornato al Festival di Sanremo con “Abbi cura di me”, una preghiera laica che racchiude la summa di un percorso artistico da sempre incentrato sul racconto e l’analisi della fragilità dell’animo umano. Contestualmente esce l’omonima raccolta pensata per una sincera fotografia di un repertorio ricco, eterogeneo e in continua evoluzione.

A completare le novità proposte dal cantautore, direttore del Teatro Stabile Abruzzo, c’è il docufilm “Happy next” in cui Cristicchi invita persone comuni e colleghi artisti ad esprimere la propria idea di felicità. Se vi chiedete quale sia la sua, eccola: “Mi piace lasciare semi dietro le mie spalle, è bello accorgersi che ogni azione influisce sulla felicità degli altri”, racconta Simone Cristicchi.

Videointervista registrata con una round table di gruppo:

Arisa al Festival di Sanremo 2019: “Mi sento bene” e ve lo dimostro!

Arisa- Mi sento bene
Con “Mi sento bene” Arisa cambia volto e conquista tutti. Con il passaggio in Sugar e un nuovo album in arrivo intitolato “Una nuova Rosalba in citta”, lo stato d’animo dell’artista è di quelli contagiosi. L’abbiamo incontrata oggi presso la sala stampa Lucio Dalla di Sanremo.
Ciao Arisa, come stai? La tua esibizione sul palco del Festival di Sanremo 2019 ci ha comunicato gioia e benessere, è così?
Sì, confermo, Se c’è una nuova Arisa in città è anche merito della Sugar e del mio nuovo management.
Il mio nuovo album parla chiaro già a partire dal titolo. Ci sono tante canzoni in cui c’è tanto di nuovo anche se in qualche modo ritorno al mood  di “Sincerità” e “Ma l’amore no”. Nella vita mi è successo di ritrovarmi a diventare Arisa, ho dovuto prendere un po’ le misure con questa identità facendo i conti con malinconia e scomodità. Alla fine ho capito che per stare bene dovevo riprendere in mano le mie origini, farle crescere e sbocciare. Questa è l’Arisa che volete e che piace a me per prima.
Cosa c’è della vecchia te che non ti mancherà?
In “Mi sento bene” ve lo spiego. Quella perdita di tempo nell’elucubrarsi nel farsi troppe domande causa una perdita di energie. Va bene essere profondi ma è importante farlo investendo questo tipo di sensibilità nei rapporti con gli altri piuttosto che nei concetti. A 36 anni è ora di volersi bene, vivere e quagliare.
Dei nuovi brani in arrivo, quale ti piace di più?
Sicuramente “Il futuro ha bisogno d’amore”. Una verità importante e definitiva.
Che importanza ha l’esteriorità nel tuo mestiere?
Mi rifaccio alla storia de “Il Piccolo Principe” per dire che curarsi serve a ottimizzare tempo e risorse. Presentare ottime idee con un cattivo aspetto non rende.
Come hai lavorato insieme ai numerosissimi autori del nuovo disco?
Devo dire che non è stato facile. La Sugar mi ha messo a disposizione un vasto parco autori, abbiamo fatto un briefing sulla linea da seguire per poi iniziare i lavori, non senza difficoltà. Per me è stato costruttivo lavorare in squadra, io sono un lupo solitario, ballo da sola da sempre, sono sicura che questo lavoro è il frutto dell’impegno di tanti guerrieri della luce.
Dove ti troveremo dal vivo?
Sto preparando un tour nei club di tutta Italia, non vedo l’ora di farvi divertire insieme a me!

Federico Mecozzi: da compositore per Einaudi a direttore d’orchestra a Sanremo 2019. Videointervista

Federico Mecozzi - videointervista

FEDERICO MECOZZI è il più giovane direttore d’orchestra a Sanremo 2019. Sul palco ligure con Enrico Nigiotti, Federico è violinista e polistrumentista da nove anni al fianco di Ludovico Einaudi. Lo scorso 25 gennaio l’artista ha dato alla luce anche un album d’esordio intitolato “AWAKENING” (Warner Music Italy). Il disco, prodotto da Cristian Bonato (Numeri Recording), è un viaggio sonoro che racchiude e sintetizza le esperienze, i gusti e le contaminazioni sperimentate dall’autore in diversi anni di attività musicale, collaborazioni e viaggi. Un risveglio anche molto personale: con “Awakening”, Federico Mecozzi vuole esprimere la totalità più intima della sua personalità artistica, attraverso un linguaggio che intreccia sonorità pop, etniche, classiche ed elettroniche. 

Anticipato dal singolo “BIRTHDAY”, l’album è stato presentato sabato 26 e domenica 27 gennaio al Teatro Galli di Rimini, città d’origine dell’artista, con due concerti già sold out. Questi i prossimi appuntamenti confermati di un calendario in costante aggiornamento: 2 marzo alla Suoneria Settimo di Torino, 4 marzo alla Santeria Social Club di Milano, 5 marzo al Bravo Caffè di Bologna, 6 marzo al Largo Venuedi Roma.

Videointervista a cura di Raffaella Sbrescia

Ex-Otago: “Solo una canzone” a Sanremo. Tante emozioni in più in “Corochinato”. Videointervista

Dopo due anni costellati di successi e riconoscimenti, gli Ex-Otago tornano in scena in grande stile. Sarà il palco del Festival di Sanremo e dare inizio ad un nuovo capitolo della carriera della band made in Genova. Il gruppo è in gara con il brano intitolato “Solo una canzone”, apripista del nuovo progetto discografico intitolato “Corochinato” (aperitivo tipico genovese dal 1886. La bevanda del dopolavoro, quella delle persone comuni tanto care gli Ex Otago che, dopo aver pubblicato 6 album, restano fedeli a se stessi e alla loro ben definita identità artistica e umana.

Ex-Otago @ Sanremo

Ex-Otago @ Sanremo

Ribelli, adulti, impegnati contro i luoghi comuni, gli Ex-Otago presentano un lavoro emotivamente intenso, più notturno e ispirato dall’amore raccontato nella sua quotidianità.

In attesa di vederli sul palco, vi ricordiamo l’appuntamento con il “Cosa fai questa notte tour” in partenza il prossimo 30 marzo.

Qui la video- intervista a cura di Raffaella Sbrescia

 

Previous Posts Next Posts