L’American Dream degli LCD Soundsystem: il manifesto dell’ironia attempata

LCD Soundsystem - American Dream

LCD Soundsystem – American Dream

L’ironia attempata di chi abbraccia il lato cupo del rock per raccontare una giovinezza ormai sfumata fa capolino tra le tracce del nuovo “American Dream” degli LCD Soundsystem. Un colpo di coda giunto a sette anni di distanza da quello che doveva essere un addio e che invece testimonia nuova linfa. La matrice risiede in un tipo di riflessione- lamento che in più di un’occasione ne inficia l’ascolto. In effetti, a ben pensarci, è giusto che Murphy dia spazio e voce ai tantissimi middle aged di questo mondo, gente che vive a cavallo tra epoche opposte, dai tratti ormai scolpiti. La paranoia è d’altronde il trait d’union tra generazioni. Con il fare e l’ incedere del pigmalione da studio, Murphy riprende le fila del discorso interrotto anni fa, affondando le mani in quell’universo sonoro capace di catturare l’inconscio. Tra i brani da segnalare, citiamo la bella, nebulosa e onirica ballad introduttiva “Oh Baby”, il singolo intriso di synth d’annata “Tonite”, la testamentaria “Emotional haircut” e la conclusiva “Black Screen” che, nel chiudere il cerchio, esprime un richiamo alle origini ma imprime in modo definitivo il marchio di fabbrica di James Murphy: scrivere cose essenziali ma sempre e comunque personali.

Video: Tonite

Gli LCD Soundsystem saranno nuovamente in tour: al Brooklin Steel, dal 11 al 23 dicembre), nelle arene e nei teatri di tutto il mondo nonché headliners in festival prestigiosi come il Pitchfork, il Forecastle, il Voodoo Music + Arts Experience.

 Raffaella Sbrescia

Ascolta qui l’album:

TicketOne