“Songs of Innocence”: la recensione del nuovo atteso album degli U2

10639573_10153383233601686_3662216875775304470_n

Gli U2 tornano, a sorpresa, con “Songs Of Innocence”, un album contenente 11 brani, presentato lo scorso 9 settembre in contemporanea con i nuovi iPhone ed iWatch. Grazie ad uno multimilionario accordo tra la stessa Apple e gli U2, il nuovo album della band è stato reso immediatamente disponibile nella libreria musicale di tutti gli utenti di iTunes Store Music e sarà a disposizione degli utenti in maniera completamente gratuita fino al 13 ottobre, giorno in cui il disco uscirà in edizione tradizionale su etichetta Island Records. Un’efficace e sbalorditiva operazione di marketing che ha significato un notevole ritorno di immagine per il gruppo anche se non sono mancate numerose critiche. A far luce sui dettagli dell’accordo è stato lo stesso Bono in una lettera scritta di suo pugno: «L’album è gratis per tutti gli iscritti di U2.com e per chiunque abbia iTunes, grazie ad Apple. Per celebrare il decimo anniversario dell’iPod brandizzato U2, hanno deciso di fare questo regalo a tutti i loro utenti. Gratis per voi, ma qualcuno ha pagato. Perché se nessuno pagasse nulla per questo lavoro, non saremmo sicuri che la musica “free” sarebbe realmente “free”. Normalmente l’arte ha un costo. È una questione che ha grosse implicazioni, non per gli U2, ma per i futuri musicisti e la loro musica… tutte le canzoni che devono essere scritte dai talenti del futuro… che hanno bisogno di una vita per poterle scrivere».

10514535_759246797467858_2188451425187686210_n

“Songs of Innocence”, ad ogni modo, rappresenta il lavoro discografico più personale degli U2 sia per quanto riguarda le tematiche scelte, sia per gli evidenti riferimenti alle prime influenze musicali della band spaziando dal rock e punk-rock anni ’70 alla prima elettronica e musica ambient anni ’80. Registrato a Dublino, Londra, New York e Los Angeles con i produttori Danger Mouse, Paul Epworth, Ryan Tedder, Declan Gaffney e Flood, “Songs of Innocence” avrà anche una versione deluxe contenente una sessione acustica di brani selezionati dall’album più quattro canzoni inedite: “Lucifer’s Hands”, “The Crystal Ballroom”, “The Troubles” (Alternative version), “Sleep Like A Baby Tonight” (Alternative Perspective Mix by Tchad Blake).  Il disco appartiene, inoltre, ad un progetto musicale più ampio, intitolato “Songs of Experience”: «Stiamo lavorando con Apple su del buon materiale da sviluppare in un paio di anni, novità che trasformeranno il modo di ascoltare e di vedere la musica. Vi terremo aggiornati. Se Songs of Innocence vi piace restate con noi per Songs of Experience. Dovrebbe essere pronto abbastanza presto..», ha spiegato Bono.

10660341_759246604134544_6658154575959230760_n

Entrando nello specifico di “Songs of Innocence” è importante sottolineare che ogni singola traccia si ispira ad un episodio importante per il percorso umano ed artistico degli U2. Il primo brano contenuto nell’album è The Miracle (of Joey Ramone), un testo che affonda le proprie radici nei lontani anni ’70, in cui la ricerca stilistica di Bono è scandita dalle potenti chitarre di Edge, al centro di una melodia energica e convincente. “Abbiamo un linguaggio per comunicare, la religione per amare e per odiare, la musica per ampliare le nostre pene e dare loro un nome”, canta Bono, definendoci pellegrini del nostro cammino e gettandoci al centro di un turbinìo di sentimenti senza età. “Every Breaking wave” è una ballad mistica che, attraverso un linguaggio figurato, riesce a rendere fedelmente l’idea di anime perse lungo un cammino difficile e tortuoso. Inaspettato è, invece, il tributo ai Beach Boys in “California (There is No End to Love), un brano che racchiude i ricordi e le impressioni relative al primo viaggio del gruppo in California nei primi anni ’80. Dolcissima, tenera ed intensa è “Song for Someone”, una romantica dedica di Bono a sua moglie Ali: “If there is a light you can’t always see and there is a world we can’t always be. If there is a dark that we shouldn’t doubt and there is a light don’t let it go out”, canta Bono, in un crescendo di suoni e di emozioni che, come dardi infuocati, colpiscono al centro del cuore. Sulla stessa linea d’onda è “Iris (Hold Me Close)”, un brano dedicato a Iris Hewson, madre di Bono, morta quando il cantante aveva soltanto 14 anni. Una perdita grave che l’artista rivive e racconta con gli occhi di un cinquantenne, che ha imparato a vivere nel ricordo di una figura indispensabile per qualunque uomo. Il cambio di ritmo e di registro avviene con “Volcano” e soprattutto con “Raised by Wolves”, la traccia più oscura del disco, ispirata ad un grave episodio di cronaca avvenuto a Dublino durante l’adolescenza di Bono. “The worst things in the world are justified by belief”, canta l’artista, decretando l’ennesima grande verità che si nasconde dietro ai peggiori atti di violenza e terrore al mondo.  I ricordi riaffiorano vividi anche in “Cedarwood Road”, un brano potente, irradiato dall’energia di una chitarra imperante e da infiniti giri di batteria. Sarcastico e pungente è, invece, il testo di “Sleep Like a Baby Tonight”, un brano contenente una serie di sottili e dolorose frecciatine indirizzate al politico di turno. Ispirato al concerto dei Clash del 1977, il testo di “This Is Where You Can Reach Me” racchiude la propria anima semantica in parole come “Complete surrender/The only weapon we know”. In attesa di conoscere le tracce che andranno a completare la versione deluxe di “Songs of innocence”, “The Troubles” è il brano che chiude il disco e vede in Lykke Li l’unica ospite dell’album. Con un messaggio incentrato sull’autostima e sulla capacità di far fronte ai propri problemi in maniera attiva e propositiva, “The Troubles” ci mette con le spalle al muro ponendoci di fronte alla nostra più intima essenza. In definitiva “Songs of innocence” è un album basato su suggestioni, impressioni, ricordi, emozioni che, pur rifacendosi a precisi episodi del passato, rilancia la band nel presente riportandola più vicino ai cuori dei comuni mortali che, in certe atmosfere cosparse di paure e di incertezze, hanno imparato a barcamenarsi in cerca di piccoli barlumi di serenità.

Raffaella Sbrescia

Scarica “Songs of Innocence” su iTunes

TicketOne