“Lotto Infinito”: Enzo Avitabile presenta uno dei suoi album più ispirati. Intervista

cover_lotto-infinito-b

Enzo Avitabile festeggia i 35 anni di attività artistica con un nuovo album di inediti intitolato “Lotto Infinito” (Sony Music Italy). Il disco, tra i più ispirati dell’artista, si compone di 14 brani con la partecipazione di alcune tra le voci più rappresentative del panorama italiano e internazionale: GIORGIA, FRANCESCO DE GREGORI, MANNARINO, RENATO ZERO, CAPAREZZA, ANGELA E MARIANNA FONTANA, DABY TOURÈ, PIPPO DELBONO, PAOLO FRESU, GIOVANNA MARINI, HINDI ZAHRA e LELLO ARENA. Giunto a 4 anni di distanza da “Black Tarantella”, “Lotto infinito” raccoglie sonorità provenienti da tutto il mondo spaziando tra World music, canzone napoletana, jazz fusion e soul e dando spazio a tematiche calde come disoccupazione, immigrazione, solidarietà e speranza. Muovendosi tra polarità contrapposte, Enzo Avitabile dà voce alle terre dimenticate, parte dalla periferia nord di Napoli per parlare delle periferie del mondo. Il grande merito di questo artista è aver dato voce agli ultimi, a quelli che nonostante l’oppressione di una continua lotta per la vita non rinunciano alla speranza di un domani che possa essere migliore.

Intervista

“Lotto Infinito” è uno dei dischi più ispirati della sua carriera?

Lo spero. Queste canzoni nascono dalla realtà che viviamo ogni giorno.

Il titolo è ispirato ad uno striscione esposto su uno dei balconi di “Lotto Zero” a Ponticelli in provincia di Napoli. Da un piccolo frammento circoscritto ad una realtà precisa, si finisce a parlare di una realtà molto più ampia…

Ogni volta che passo davanti a questo striscione mi fa un effetto davvero fortissimo. Si tratta di un frammento di realtà che abbraccia tante altre realtà simili, una goccia in un oceano. Ho voluto raccontare la periferia della mia città, quella che non si vede, quella di cui non si parla, per raccontare le periferie di tutto il mondo e le relative speranze di persone che lottano per arrivare alla fine del mese con orgoglio e dignità.

Toccante il brano in cui cita tutte le località martoriate della Campania riportando all’attenzione tematiche e luoghi ripiombati nell’oblio mediatico.

Certo, non ho voluto lasciare da parte nessuna di queste terre. Non ho dimenticato niente e nessuno

In questo album ci sono collaborazioni con alcune delle più grandi voci della musica italiana. Partiamo da quella con Renato Zero per “Bianca” in omaggio a Bianca d’Aponte, brano in cui il cantautore canta con lei in napoletano…

Renato mi ha fatto un regalo nel cantare questo pezzo in napoletano ma in realtà questo è un dono che ha fatto alla mia città. Il concetto era inglobare Napoli e l’identità italiana perseguendo una prospettiva di fratellanza.

Enzo Avitabile Ph Matteo-Basile

Enzo Avitabile Ph Matteo-Basile

Molto intenso il duetto con Giorgia in “De Profundis”

 In effetti stiamo riscontrando un grande consenso da parte di chi l’ascoltato, ci abbiamo messo tutta l’emozione possibile.

Originale la collaborazione con Caparezza in “Amm’ ‘a amm’ ‘a””

 Insieme a Caparezza ho cantato la voglia di cambiamento, l’esigenza di andare avanti.

 Il brano di chiusura è l’emozionante “Addo’ so nato io” recitato da un intenso Lello Arena…

Questa è una poesia di speranza; la speranza di vincere e sopportare il disastro economico che il paese sta affrontando, il degrado che siamo costretti a vivere, le condizioni di arretratezza socio-culturale e di degrado spirituale. Proprio gli ultimi, proprio quelli che non vengono considerati, sono quelli che sperano con tutte le proprie forze, che sognano e che combattono per il cambiamento e la riscossa.

E con Francesco De Gregori in “Attraverso l’acqua”?

Insieme cantiamo di questi uomini raccolti dall’acqua mentre cercano una terra promessa esattamente come fa ciascuno di noi, migranti sulla terra. Sembra facile osservare da lontano quelli che provano ad arrivare e a spostarsi attraverso il mare, dovremmo indagare i fondamenti della nostra coscienza, solo così possiamo capire cosa possiamo fare, innanzitutto per gli altri ma anche per noi stessi.

Il mantra di “Jastemma d’amore” a questo proposito si presta assolutamente bene a questo intento…

Certamente: “ ‘mparat a te vulè bene overamente si over vuò  bbene all’ate”.

Raffaella Sbrescia

Tracklist:

Il lato A della versione in vinile contiene i brani “NAPOLI NORD”, “DE PROFUNDIS” con Giorgia, “QUANDO LA FELICITÀ NON LA VEDI, CERCALA DENTRO”, “ATTRAVERSO L’ACQUA” con Francesco De Gregori, “SAN GHETTO MARTIRE” con Mannarino, “BIANCA” con Renato Zero e “AMM’’A AMM’’A” con Caparezza; nel lato B sono presenti “ABBI PIETÀ DI NOI” con Angela e Marianna Fontana,“COMM’ ’A ‘NA” con Daby Touré, “JASTEMMA D’AMMORE” con Pippo Delbono, “NISCIUNO SAPE” con Elena Ledda e Paolo Fresu, “LOTTO INFINITO” con Giovanna Marini, “VERITÀ SARÀ” con Hindi Zahra e “ADDÒ SO’ NATO IO” con voce recitante di Lello Arena.

Ascolta qui l’album:

Pomigliano Jazz in Campania: Carta bianca a Enzo Avitabile e nuovo concerto sul Vesuvio

Enzo Avitabile

Enzo Avitabile

Enzo Avitabile protagonista del Pomigliano Jazz Festival. Nel rispetto della tradizione secondo cui ogni anno viene assegnata ad un musicista l’opportunità di realizzare, in totale autonomia e con la massima liberà espressiva e compositiva, concerti esclusivi e inediti creati ad hoc per il festival, l’artista, simbolo di Napoli nel mondo, avrà la possibilità di esprimersi in tutta la sua poliedricità attraverso vari linguaggi, dal jazz alla world music, dal soul alla tradizione partenopea, dall’improvvisazione alla musica ambient, portando in scena due concerti-evento unici e irripetibili.

Classe 1955, Enzo Avitabile è un artista che ha valicato i confini linguistici, stilistici e geografici sposando il bagaglio artistico di una carriera trentennale con una ricerca continua di innovazione musicale, cantando le sofferenze degli ultimi ma anche le loro speranze. Il compositore e polistrumentista di Marianella sarà dunque il protagonista di due produzioni inedite realizzate appositamente per Pomigliano Jazz.

La prima, il 10 settembre, sul gran cono del Vesuvio per quello che è ormai diventato un appuntamento fisso del festival ideato e diretto da Onofrio Piccolo. Sull’orlo del cratere del vulcano più famoso al mondo andrà in scena il concerto al tramonto del soul brother partenopeo che segue quelli di Richard Galliano e Marzo Zurzolo nel 2014 e del trio Enrico Rava, Maria Pia De Vito, Roberto Taufic nel 2015. Ad accompagnarlo in questa performance esclusiva e fortemente evocativa, sul palco naturale a quota 1200 metri, ci saranno il contrabbassista Rino Zurzolo, storico collaboratore di Pino Daniele, il pakistano Ashraf Sharif Khan al sitar e il chitarrista Gianluigi Di Fenza.

Il secondo progetto, invece, porterà Enzo Avitabile a duettare con l’Orchestra Napoletana di Jazz diretta da Mario Raja, ensemble nato nel 2005 che riunisce alcuni fra i migliori talenti della scena jazzistica campana. In scaletta oltre a composizioni dello stesso Avitabile rilette in chiave jazz ci saranno anche classici della tradizione napoletana e altri brani sorprendenti. Il concerto si terrà il 18 settembre al Parco delle Acque di Pomigliano d’Arco.

Il cono del Vesuvio

Il cono del Vesuvio

Nel corso della sua carriera Enzo ha sperimentato vari linguaggi, dal jazz alla black music, fino alla ricerca musicale delle nostre tradizioni, mantenendo comunque una sua originalità e precisa identità. Ha creato un suo suono, ben decifrabile, che va oltre i generi musicali e guarda sempre al contemporaneo, sottolinea Onofrio Piccolo, direttore artistico del festival. Questo modo di vivere la musica, l’arte e la contaminazione stilistica rende speciali e irripetibili i due concerti pensati appositamente per Pomigliano Jazz. Un festival che si è sempre caratterizzato per le sue produzioni originali e per il coinvolgimento e la valorizzazione dei musicisti campani.

 

 

Campania Sound Experience: Enzo Avitabile e M’Barka Ben Taleb

 

 

Campania Sound Experience - Enzo Avitabile e M'Barka Ben Taleb ph Anna Vilardi

Campania Sound Experience – Enzo Avitabile e M’Barka Ben Taleb ph Anna Vilardi

Il pop, il ritmo afro-americano, la musica antica e il canto sacro. Enzo Avitabile ha sempre vissuto nella ricerca di un suono inedito, non solamente originale ma vitale ed essenziale. Da bambino, Avitabile ha studiato il sassofono; da adolescente si esibito nei club napoletani affollati dai clienti americani. Quindi si è diplomato nella disciplina del flauto al Conservatorio  di Napoli San Pietro a Majella e ha iniziato a collaborare con artisti pop e rock di tutto il mondo, da James Brown a Tina Turner.

Campania Sound Experience - Enzo Avitabile e M'Barka Ben Taleb ph Anna Vilardi

Campania Sound Experience – Enzo Avitabile e M’Barka Ben Taleb ph Anna Vilardi

Tra il 1982 ed il 1994 vengono pubblicati dall’ etichetta discografica  EMI i suoi primi  8 Albums, tra cui Avitabile, suo album di debutto. Il 1996 costituisce una data che fa da spartiacque nella produzione di Avitabile: nuovi suggestivi arrangiamenti segnano il ritorno ad un linguaggio originario arricchito da neologismi contemporanei, con Aizetè (la cui titletrack è la colonna sonora del film  Incantesimo napoletano). Con Napoletana, nel Novembre del 2009, Enzo Avitabile raggiunge l’ennesimo coronamento della sua carriera artistica, vincendo il Premio Tenco 2009 per il miglior disco dell’anno nella categoria dialettale.

Campania Sound Experience - Enzo Avitabile e M'Barka Ben Taleb ph Anna Vilardi

Campania Sound Experience – Enzo Avitabile e M’Barka Ben Taleb ph Anna Vilardi

 Dal 2004, pur non rinunciando al patrimonio lessico/musicale della sua terra, incontra un progetto musicale completamente nuovo, i Bottari di Portico, ensemble di antica tradizione rurale della Campania, protagonisti di numerosi Festival, e di pellicole cinematografiche firmate da Lina Wertmüller. Sul palco, con Avitabile, botti, tini, falci strumenti atipici diretti dal capopattuglia cadenzano antichi ritmi processionali che sono sana trance: non techno, ma “folk”. Anni di proficua collaborazione portano gli artisti alla produzione di numerosi lavori discografici, tra cui Black Tarantella del 2012, un progetto di più ampio respiro pubblicato in tutto il mondo da CNI.

Campania Sound Experience - Enzo Avitabile e M'Barka Ben Taleb ph Anna Vilardi

Campania Sound Experience – Enzo Avitabile e M’Barka Ben Taleb ph Anna Vilardi


M’Barka Ben Taleb
 è un’artista italo-tunisina importante voce del panorama musicale napoletano e definita dalla stampa “la risposta arabo-partenopea a Grace Jones”.
Inizia la sua carriera come vocalist di Tony Esposito e di Eugenio Bennato, conquistando rapidamente la stima e l’amicizia di grandi musicisti e cantautori italiani artisti, che le valgono proficue collaborazioni come James Senese, Enzo Gragnaniello e tanti altri.
Viene scelta da John Turturro per interpretare una delle protagoniste di Passione, film di culto del 2010 presentato alla 67ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia in cui M’Barka traduce in arabo “’O sole mio” e “Nun te scurdà” e partecipa alla catarsi di “Tammurriata nera”. Dal film nasce l’idea dello spettacolo Passione tour (2012), che porta M’Barka ad esibirsi sui palchi di tutta Italia al fianco di James Senese, Raiz, Fausto Mesolella, Peppe Barra, Pietra Montecorvino, la portoghese Misia, gli Spakkaneapolis 55 e Gennaro Cosmo Parlato, mescolando voci, musiche e culture. Torna a lavorare sul set con John Turturro nel 2013, nel film Fading Gigolò, uscito nelle sale cinematografiche italiane con il titolo Gigolò per caso, con Woody Allen, Sharon Stone, John Turturro, Sofia Vergara e Vanessa Paradis.

Campania Sound Experience - Enzo Avitabile e M'Barka Ben Taleb ph Anna Vilardi

Campania Sound Experience – Enzo Avitabile e M’Barka Ben Taleb ph Anna Vilardi

Anticipato dai singoli “Je t’aime moi non plus” e “Storia d’amore”, l’1 luglio 2014 esce il suo nuovo album, Passion fruit: una rilettura al femminile dello scandaloso Je t’aime moi non plus di Gainsbourg e un’altra canzone assolutamente maschile, Storia d’amore di Celentano, secondo singolo attualmente in rotazione radiofonica.
L’album infatti tiene insieme cover di brani che la voce unica della tunisina di Napoli e la produzione firmata dal beatmaker Tonico ’70, Arcangelo Michele Caso e Salvio Vassallo conducono in una nuova dimensione. Da sonorità arabe, a ritmi reggae; dal romantico omaggio a Edith Piaf con La vie en rose a inediti e duetti con il Maetro Enzo Gragnaniello e due talenti emergenti, ancora una volta partenopei: Alessio Arena che, ha firmato per M’BarkaNisciuno e il Tesoro di San Gennaro che firma il brano che dà il titolo all’album, impreziosito dall’emozionante seconda voce di Valentina Gaudini. Passion Fruit è un disco di svolta, di trasformazione, dal suono moderno, maturo, profonda mescolanza tra la lingua della sua terra d’origine e quei luoghi che l’hanno accolta (l’Italia e Napoli, la Francia, la Spagna).

 

Campania Sound Experience - Enzo Avitabile e M'Barka Ben Taleb ph Anna Vilardi

Campania Sound Experience – Enzo Avitabile e M’Barka Ben Taleb ph Anna Vilardi

Campania Sound Experience - Enzo Avitabile e M'Barka Ben Taleb ph Anna Vilardi

Campania Sound Experience – Enzo Avitabile e M’Barka Ben Taleb ph Anna Vilardi

Le foto sono a cura di Anna Vilardi (inviata a Giffoni)

 

“Nun tardare sole”: l’irresistibile richiamo ancestrale di Fiorenza Calogero

 iorenza Calorego - Nun Tardare Sole

Appassionata e viscerale da un lato, misurata e rispettosa dall’altro, Fiorenza Calogero è una cantante, interprete e attrice che, attraverso il suo percorso artistico, contribuisce in maniera incisiva e concreta alla ricerca e alla valorizzazione dell’immenso patrimonio costituito dai canti popolari del Sud Italia. A tangibile testimonianza di cotanto impegno, arriva “Nun tardare sole”, un album scritto, diretto e arrangiato dal Maestro Enzo Avitabile e prodotto da Andrea Aragosa per Black Tarantella. Composizioni cadenzate dalle ritmiche battenti proprie della tarante, elementi medievali e rinascimentali nonché richiami stilistici vicini alle ricostruzioni musicologiche riproposte della prima Compagnia di Canto Popolare diretta dal Maestro Roberto de Simone, con cui Fiorenza Calogero ha più volte collaborato caratterizzano questo album da interpretare come una sorta di preghiera laica.

Enzo Avitabile e Fiorenza Calogero

Tra una traccia e l’altra Fiorenza si muove con disinvoltura rivelando una voce al massimo della maturità e dell’espressività ridando vita ad inni rivolti a un sole che è dio, padre, marito, amante. Genti lontane nel tempo, spiriti dell’antica campagna, madri, donne e amanti rivivono attraverso le perfette partiture eseguite da talentuosi musicisti con strumenti tradizionali e poco usuali, come lo è la chitarra battente di Marcello Vitale, la viola da gamba di Rodney Prada, e poi la chitarra spagnola di Carlos Pinana in “Megaris”. Intensa la voce di supporto di Pino De Vittorio in ‘A Carità, e le voci di Cristina Branco in “Lu Cardillo”, brano di anonimo del ‘700, e di Urna in “Uocchie Che Arraggiunate”, omaggio ad Eduardo de Filippo. Vecchi miti, nuovi riti si destreggiano in una problematica contemporaneità in cui la voce di una artista devota ed irresistibile, quale è Fiorenza Calogero, si presenta come un suadente richiamo ancestrale.

 Raffaella Sbrescia

Video: Tre fronne e tre ciure

Torna “Vo’ on the Folks”: musiche popolari dal mondo da 6 febbraio al 19 marzo a Brendola

12489412_948647468537148_8327119729368314329_o

Il maestro del groove Enzo Avitabile, il piper irlandese John McSherry, l’incontro tra le voci di Patrizia Laquidara con le Canterine del Feo e le bulgare Bisserov Sisters, il virtuoso della sei corde blues Nik Valente, le sonorità popolari di Riccardo Tesi & Banditaliana e gli organetti dell’etnomusicologo Roberto Tombesi. Torna per il ventunesimo anno consecutivo il “Vo’ on the Folks”, storica rassegna veneta che indaga il rapporto tra le musiche popolari del mondo, in programma alla Sala della Comunità di Vo’ di Brendola (Vicenza) dal 6 febbraio al 19 marzo 2016.

Ad inaugurare la XXI edizione del festival diretto da Paolo Sgevano, sabato 6 febbraio alle ore 21, sarà Enzo Avitabile con il progetto “Acoustic World”. Il compositore e polistrumentista partenopeo ripercorrerà in chiave acustica gli ultimi 12 anni della sua produzione discografica, proponendo brani tratti da tutti i suoi progetti dal 2003 ad oggi: “Salvamm ‘O Munno”, “Sacro Sud”, “Festa Farina e Forca”, “Napoletana” e “Black Tarantella”. Avitabile (voce, tamburo, arpina, fiati), accompagnato da Gianluigi Di Fenza alla chitarra e Carlo Avitabile alle percussioni, proporrà un concerto intimo, con al centro il suo personalissimo linguaggio musicale che lo ha reso uno dei riferimenti mondiali della world music e probabilmente l’artista italiano più rappresentativo di questo genere. In apertura, il chitarrista e cantante vicentino Nick Valente (Premio della Critica al concorso VicenzaNetMusic) presenterà in trio con Francesco Martini elle tastiere e Alessandro Valente alla batteria il suo recente ep, “Qualcosa di diverso”.

Sabato 20 febbraio, il secondo appuntamento con Patrizia Laquidara in scena con le Canterine del Feo in un incontro tra voci tutto al femminile – da qui all’Est – con l’ensemble vocale bulgaro, Bisserov Sisters. Un viaggio attraverso antiche tradizioni apparentemente lontane che, partendo dalla catena montuosa del Pirin – ai confini tra Bulgaria e Macedonia – conduce al Feo, una piccola contrada di Monte di Malo, dove si nasconde l’Anguana.

Il 5 marzo, invece, spazio alle varie musiche popolari italiane con un doppio spettacolo. Prima, Roberto Tombesi (leader dei Calicanto) ripercorrerà, tra ricerche etnomusicologiche e nuove proposte musicali, 25 anni di attività artistica che ha avuto nell’organetto un costante punto di riferimento espressivo. Poi, Riccardo Tesi & Banditaliana - tra i gruppi italiani più acclamati della scena world internazionale – proporrà un coinvolgente set tra folk, jazz, riti della tradizione toscana, echi mediterranei e canzone d’autore. Accanto a Tesi – compositore e organettista già al fianco di Fabrizio De André e Ivano Fossati – la sua collaudata formazione che vede Maurizio Geri alla chitarra e voce, Claudio Carboni ai sassofoni e Gigi Biolcati alle percussioni.

In chiusura, sabato 19 marzo, è la volta di John McSherry uno dei massimi virtuosi al mondo di uilleann pipes: la tradizionale cornamusa irlandese, nata tra il ‘500 e il ‘600. Il musicista originario di Belfast, fondatore dei Tamalin, Lúnasa e At First Light, vanta collaborazioni e registrazioni con Sinéad O’Connor, Clannad, The Corrs, Dónal Lunny e Nancy Griffiths.

Organizzato dalla Sala della Comunità di Vo’ di Brendola e Frame Evolution, in collaborazione con l’assessorato comunale alla Cultura e la Cassa Rurale e Artigiana di Brendola, il “Vo’ on the Folks” si conferma come spazio privilegiato per la riscoperta e la tutela di preziose tradizioni da conservare e tramandare. Come testimoniano gli ospiti che si sono alternati in questi anni: Kocani Orkestar, Hevia, Joana Amendoeira, Tannahill Weavers, Fiamma Fumana, Antonella Ruggiero con Maurizio Camardi, Djamel Laroussi, Phamie Gow, Vincenzo Zitello, Mairtin O’Connor, Dervishi Rotanti, Motion Trio, Pierre Bensusan, Söndörgő, Jim Hurst solo per citarne alcuni.

 

 

Info e prenotazioni:

Sala della Comunità – via Carbonara,28  – Brendola (VI) – tel. e fax 0444 401132

www.saladellacomunita.com - info@saladellacomunita.com

Prenotazioni con pagamento on-line o presso filiali Cassa Rurale di Brendola: Biglietto intero 14€

Prenotazioni senza pagamento on-line e pagamento in Sala: Biglietto intero 15€

È possibile prenotare i biglietti per i concerti direttamente sul sito internet della rassegna, con il ritiro almeno mezz’ora prima dell’inizio dello spettacolo.

Leuciana Festival 2015: la celebrazione dell’arte a 360 gradi.

Enzo Avitabile live @Leuciana Festival ph Luigi Maffettone

Enzo Avitabile live @Leuciana Festival ph Luigi Maffettone

Sette giorni all’insegna dell’arte, rispettando ed esaltando  il senso più autentico della parola stessa. Il Leuciana Festival 2015 ha superato davvero ogni aspettativa.  Ambientata nel Complesso Monumentale del Belvedere di San Leucio, sito riconosciuto Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, la kermesse ha accolto alcune delle più importanti realtà della musica classica, rock, jazz, folk senza escludere recital appassionati e sonorità ricercate. Da non tralasciare anche i plus di questa indimenticabile edizione diretta dal Maestro Enzo Avitabile:  i momenti di riflessione, le performance artistiche di gruppi locali all’interno della mini rassegna “Arti al cortile”, le proiezioni cinematografiche pomeridiane del circuto “L’altro sguardo” e le esposizioni d’arte contemporanea.

Leuciana Festival 2015 ph Luigi Maffettone

Leuciana Festival 2015 ph Luigi Maffettone

Avendo già parlato dei bellissimi concerti d’apertura del festival, ci concentreremo su “Bestemmia d’amore”, il nuovo travolgente lavoro del cantautore, polistrumentista, compositore, musicologo Enzo Avitabile ed il regista e attore teatrale Pippo Delbono. Un concerto che è anche spettacolo, un happening in cui le parole diventano musica per celebrare l’amore nelle sue declinazioni più estreme attraverso i testi tratti da Juan de La Cruz, Pasolini, Rimbaud. In scena con Avitabile (voce, arpina, tamburo e sax sopranino) e Delbono (voce recitante e canto) anche Gianluigi Di Fenza alla chitarra napoletana e Carlo Avitabile ai tamburi. L’evento di chiusura è stato curato, invece,  da Fausto Mesolella.

Fausto Mesolella live @Leuciana Festival ph Luigi Maffettone

Fausto Mesolella live @Leuciana Festival ph Luigi Maffettone

Il musicista ha festeggiato i 50 anni di carriera presentando in anteprima nazionale il suo nuovo lavoro intitolato “CantoStefano”. Il cd, pubblicato dall’etichetta Suoni dall’Italia, contiene i meravigliosi testi del poeta Stefano Benni musicati e cantati dallo stesso Mesolella, vincitore lo scorso anno con Raiz della Targa Tenco per l’album “Dago Red”. Ad accompagnarlo nello speciale evento al Leuciana, Mimì Ciaramella (già Avion Travel) alla batteria, Ferdinando Ghidelli alla pedal steel, Almerigo Pota al basso e alla tromba, le voci di Nunzia Carozza e Cristina Zitiello, ospiti Agostino Santoro e Peppe D’Argenzio, sax.

Enzo Avitabile live @Leuciana Festival ph Luigi Maffettone

Enzo Avitabile live @Leuciana Festival ph Luigi Maffettone

Scaletta “Bestemmia d’amore”

Bestemmia d’amore

Rivoluzione/ ‘A nomme e Dio

Preghiera/ Don Salvatò

Salita al cielo/ Tutt’ egual’ song ‘e criature

Libera il mondo/ Devozioni dialettali

Musica e basta/ Amaro nun essa essere

Questo amore/ Canta palestina

San Gennaro/ Faccia Gialla

La fede/ Lampedusa

Vita / Salvamm’ ‘o munn’

Fausto Mesolella live @Leuciana Festival ph Luigi Maffettone

Fausto Mesolella live @Leuciana Festival ph Luigi Maffettone

Scaletta “CantoStefano”

Solo chitarra

O sole mio

Tulipani

Anima

Tango perpendicular

Dormi liù

L’insanguinata

Aria di te

Sei coriste

Le rose

E’ colpa mia

Io ti amo

Van Gogh

Quello che non voglio

La domenica della vita

Ghemmà

Photogallery a cura di: Luigi Maffettone

Enzo Avitabile live @Leuciana Festival ph Luigi Maffettone

Enzo Avitabile live @Leuciana Festival ph Luigi Maffettone

Enzo Avitabile live @Leuciana Festival ph Luigi Maffettone

Enzo Avitabile live @Leuciana Festival ph Luigi Maffettone

Enzo Avitabile live @Leuciana Festival ph Luigi Maffettone

Enzo Avitabile live @Leuciana Festival ph Luigi Maffettone

Enzo Avitabile live @Leuciana Festival ph Luigi Maffettone

Enzo Avitabile live @Leuciana Festival ph Luigi Maffettone

Fausto Mesolella live @Leuciana Festival ph Luigi Maffettone

Fausto Mesolella live @Leuciana Festival ph Luigi Maffettone

Fausto Mesolella live @Leuciana Festival ph Luigi Maffettone

Fausto Mesolella live @Leuciana Festival ph Luigi Maffettone

Fausto Mesolella live @Leuciana Festival ph Luigi Maffettone

Fausto Mesolella live @Leuciana Festival ph Luigi Maffettone

Leuciana Festival: al via la XVI edizione della rassegna ambientata al Complesso Monumentale del Belvedere di San Leucio

leuciana festival 2015  logo

Musica, arte, film etnografici, mostre, visite guidate e degustazioni di prodotti eno-gastronomici al Complesso Monumentale del Belvedere di San Leucio. Torna dal 30 agosto al 5 settembre 2015 la XVI edizione del “LEUCIANA FESTIVAL”, per la direzione artistica di Enzo Avitabile. Organizzata dal Comune di Caserta e finanziata dall’assessorato al Turismo della Regione Campania, attraverso il Piano d’Azione e Coesione, la rassegna si apre domenica 30 giugno alle 21 con il concerto di Eduardo Bennato, cantautore e musicista eclettico, autore di testi dissacranti, che da mezzo secolo incarna l’anima rock del capoluogo partenopeo. Con lui sul palco, Giuseppe Scarpato e Gennaro Porcelli alle chitarre, Patrix Duenas al basso,Raffaele Lopez alle tastiere e Roberto Petrone alla batteria. In scaletta, oltre a  brani entrati nell’immaginario collettivo come “Viva la mamma”, “ Il paese dei balocchi”e “Il gatto e la volpe”, anche anticipazioni tratte da “Pronti a salpare”, il nuovo album in uscita il prossimo autunno per Universal.

Lunedì 31 agosto, sempre alle 21, tocca invece al grande violinista Uto Ughi accompagnato al pianoforte dal maestro Marco Grisanti.

Bob Geldof

Bob Geldof

Nella sua unica data in Italia, martedì 1 settembre arriva Bob Geldof. Il leggendario musicista, attore e compositore irlandese – ideatore del Live Aid nel 1985 – è accompagnato da una band di 6 elementi che comprende, tra gli altri, Pete Briquette (co-fondatore dei Boomtown Rats insieme a Geldof ), John Turnbull, storico chitarrista di Jan Dury and The Blockeads e Jim Russell batterista trai di Paul Young.

La storica voce del punk italiano torna a raccontarsi live, in esclusiva per la Campania, con le canzoni del suo repertorio solista e con quelle dei C.S.I. e CCCP: Giovanni Lindo Ferretti in concerto “a cuor contento” mercoledì 2 settembre con gli ex Ustmamò, Ezio Bonicelli al violino e chitarra acustica e Luca A. Rossi al basso, chitarra elettrica e batteria elettronica.

Bestemma d’amore” è il titolo dello spettacolo che Enzo Avitabile e Pippo Delbono portano in scena in esclusiva per il Leuciana Festival il 3 settembre. Un concerto dove le parole diventano musica per celebrare l’amore ferito, affogato, ucciso e rinato, con testi tratti da Juan de La Cruz, Pasolini, Rimbaud. In scena con Avitabile (voce, arpina, tamburo e sax sopranino) e Delbono (voce recitante e canto) anche Gianluigi Di Fenza alla chitarra napoletana e Carlo Avitabile ai tamburi.

Fausto Mesolella

Fausto Mesolella

In chiusura è la volta di due casertani doc: Pietro Condorelli (il 4) e Fausto Mesolella (il 5). Il primo, tra le voci più autorevoli della chhitarra jazz in Europa, presenta in quintetto “Jazz, Ideas & Songs“, il suo nuovo reading-concerto. Accompagnato da una ritmica collaudata – Domenico Santaniello al contrabbasso e Claudio Borrelli alla batteria – da Francesca Masciandari al flauto e dalla vocalist Simona Boo, Condorelli (chitarra e testi) affronta differenti tematiche in un continuum spazio-temporale che prende spunto dalla cultura degli anni ’70, da Jack Kerouac, dalla musica del dopoguerra e da composizioni originali. Fausto Mesolella (già chitarra degli Avion Travel), invece, festeggia i 50 anni di carriera presentando in anteprima nazionale il suo nuovo lavoro “CantoStefano”. Il cd, pubblicato dall’etichetta Suoni dall’Italia, contiene testi del poeta Stefano Benni musicati e cantati dallo stesso Mesolella.

Parallelamente, ogni giorno prima dei concerti (ore 18:30) si terrà “L’altro Sguardo”, una rassegna di film etnografici a cura di Intima Lente.

In programma, inoltre, degustazione di prodotti eno-gastronomici (dalle ore 19 alle ore 20), la sezione “Arti nel Cortile” (dalle 20), visite guidate al Complesso Monumentale del Belvedere di San Leucio (dalle 18 alle 20) e la mostra d’arte contemporanea a cura di Enzo Battarra, “Il collasso dell’utopia”, che racchiude le opere di Michele Attianese, Crescenzo Del Vecchio Berlingieri e Lello Lopez.

Festival delle Ville Vesuviane: tre ore di puro rock con i Litfiba.

Litfiba live ft. Enzo Avitabile ph Paolo De Matteo

Litfiba live ft. Enzo Avitabile ph Paolo De Matteo

Apertura col botto per il Festival delle Ville Vesuviane con “la notte rock sotto il vulcano” presso il Parco sul mare della Villa Favorita di Ercolano. Protagonisti del palco i funambolici Litfiba che hanno smosso cica milleseicento anime con un concerto durato ben 2 ore e quaranta minuti. Un live tutto da ballare pogando e cantando a squarciagola. Il fulcro della scaletta pensata dai Litfiba 2.0 sono 25 brani tratti dalla loro “tetralogia” ovvero  gli album degli anni Novanta incentrati sui quattro elementi naturali: fuoco con “El Diablo”, terra con “Terremoto”, aria con “Spirito” e acqua con “Mondi sommersi”.  Un live liturgico in cui l’acqua “santa” è il sudore gettato a fiotti in nome del puro rock’n’roll.  Grande mattatore del palco un Piero Pelù in grande forma, accompagnato dall’inossidabile Ghigo Renzulli alla chitarra, dall’esplosivo Luca Martelli alla batteria, Ciccio Li Causi al basso e Federico Sagona a tastiere e cori.

In scaletta, brani celebri e b-side tra cui “Africa”, “Resisti”, “Dinosauro”, “Proibito”, “El Diablo”, “Regina di cuori”, “Gioconda” e “Ritmo 2#”. La rock band ha duettato per la prima volta con Enzo Avitabile sulle note di “La musica fa” al cui interno non sono mancate improvvisazioni sia vocali che sonore. Un fertile incontro artistico che ha generato un immediato esempio di sperimentazione e comunicazione. A rimpinguare il fronte ospiti della serata anche la giovane e grintosa ex concorrente di The Voice of Italy Ira Green in “Spirito” e  Raul Volani dei Metharia in “Tammuria” completando il gemellaggio dei Litfiba con  la scena rock napoletana. Il “sogno ribelle” dei Litfiba tocca i cardini e i temi chiave della nostra attualità: il legame tra mafia e politica, la libertà di espressione, la disoccupazione giovanile, l’immigrazione, la malavita organizzata, l’inefficienza governativa  senza togliere tempo e spazio  alla leggerezza, all’ironia, alla satira e all’intelligente invito a vivere la vita a 360 gradi. La liturgia rock dei Litfiba è una full immersion che non ammette distrazioni e cali di pressione, l’adrenalina è tutto quel che serve per lasciarsi coinvolgere in uno spettacolo che è molto più simile ad un viaggio tra le viscere della nostra anima.

Raffaella Sbrescia

Meeting del Mare: il photo report della XIX edizione

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Carmen Consoli, Enzo Avitabile, Francesco Di Bella, Enzo Avitabile e decine di altri artisti tra cui La Maschera, Tartaglia & Aneuro, Sineterra, Manuel Foresta, Le Metamorfosi, Re Noir, Eterea,  Martino Adriani, Il Conte Biagio, Toralbo & i Minimali, Popular Guitar duohanno completato la ricca programmazione del Meeting del Mare, la kermesse musicale cheogni anno infiamma il Cilento. La rassegna, organizzata come sempre da don Gianni Citro e giunta 19 esima edizione, quest’anno è stata incentrata sul tema dell’interiorità e, come di consueto, ha offerto al pubblico una serie eventi musicali gratuiti dislocati nelle più svariate  location cilentane.

Fiumi di parole non potranno mai rendere esattamente l’idea di quando vissuto per cui lasceremo che a parlare siano le fotografie scattate da Luigi Maffettone.

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

 

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

Meeting del Mare 2015 ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends: il racconto della grande festa alla Mostra d’Oltremare

IMG_7457 (2)

La Napoli che esiste e che resiste si è riunita alla Mostra d’Oltremare lo scorso 18 settembre in occasione del concertone con cui i 99 Posse  hanno festeggiato il ventesimo (ventunesimo per essere più precisi) di “Curre curre guagliò”, un album che, dopo tanti anni, rivive nuovo lustro musicale e contenutistico, anche grazie alla versione 2.0 realizzata per la speciale occasione. Organizzato nell’ambito del Forum Universale delle Culture, a ridosso della partita Napoli- Sparta Praga, giocata allo Stadio San Paolo, l’evento ha rappresentato l’occasione perfetta per riunire generazioni e cittadini di ogni provenienza nel nome della musica militante. Oggi come ieri  ‘O Zulù (Luca Persico) – voce – Marco Messina – campionatore e Dub Master – JRM (Massimo Jovine) – basso – e Sacha Ricci – tastiere si dedicano anima e corpo alla loro musica di protesta. Da sempre contro le convenzioni e a favore dei diritti del popolo sovrano, i 99 Posse hanno la rara capacità di predicare bene e razzolare ancora meglio. Mixando e remixando le loro canzoni più e meno recenti, il gruppo ha radunato i maggiori esponenti della scena rap ed underground italiana per la gioia dei tantissimi spettatori accorsi sottopalco: Mama Marjas, Jovine, Clementino,Dop One, Francesco Di Bella, Ensi, Geko, J-AX,  Marcello Giannini, Mc Mariotto, Roy Paci, Salvatore Rainone degli Slivovitz, Sangue Mostro,  Banda Bassotti, Bonnot, Caparezza, Claudio Marino sono stati gli speciali ospiti che si sono alternati sul palco allestito all’interno di quella viene oggi definita “Isola delle Passioni”.

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

Ad inaugurare la nutrita scaletta “1-2-3-4” con Francesco Di Bella, a seguire “Curre curre guagliò”, il brano-emblema di una lotta che non accenna ad estinguersi e che, anzi, oggi più che mai, si fa incandescente contro uno Stato che avanza pretese e che non tutela i diritti di generazioni allo sbando. “Children ov Babilon”, “Nun cià facc’ cchiù” scuotono dall’interno le migliaia di anime stipate sui gradini dell’Arena Flegrea. Non solo denuncia ma anche autocelebrazione e pogo selvaggio sulle note di “Napulitan” e di “Medley Ragga”, “L’anguilla”, “Penso che non me andrò”. Potente il featuring coi Sangue Mostro in “I Say Yes But I Also Say No” e in “Repressione”, brano tratto dal loro ultimo album.

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

A tessere la trama del filo conduttore che lega i 99 Posse anche alla corrente del neapolitan power è l’ospitata, a sorpresa, di Enzo Avitabile. A seguire una carrellata di grandi successi che, grazie ad una nuova linfa e ad una rinnovata valenza ideologica, scaldano il pubblico spingendolo a cantare a squarciagola in uno “Stato d’emergenza”, auspicando una “University of Secondigliano”. Abituati a fare “Ripetutamente” “Tarantelle pè campà”, i giovani napoletani si lasciano conquistare dal groove dei 99 Posse  che, in chiusura, dedicano gli ultimi acclamatissimi bis ad una militanza diretta e senza filtri. Accompagnati sul palco dalla Banda Bassotti, ‘O Zulù e soci si congedano dal caloroso pubblico con “Rigurgito antifascista”, “El Pueblo Unido” e “Bella Ciao”, una triade musicale scelta non a caso per lasciare un messaggio preciso: vivere per resistere, lottare e far valere i propri diritti, fino alla fine, e con tutta la propria anima.

 Raffaella Sbrescia

Fotogallery a cura di: Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

 

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

 

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d'Oltremare "Curre curre guagliò 2.0 Live" Ph Luigi Maffettone

99 Posse & Friends @ Mostra d’Oltremare “Curre curre guagliò 2.0 Live” Ph Luigi Maffettone

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Next Posts
TicketOne